Cassano a Dacourt: "Facevo la fame: il calcio mi ha cambiato la vita. Al Real quanti errori"

Serie A
Antonio Cassano e Olivier Dacourt (CanalPlus)
cassano_dacourt_canalplus

Fantantonio si racconta al suo ex compagno della Roma Oliver Dacourt, ora opinionista di Canal Plus: "Ho patito la fame, giocavo nei vicoletti con chi mi pagava di più: ero il più forte". L'esordio a Bari, poi il Real: "Bari-Inter mi ha cambiato la vita. A Madrid quanti errori..."

CALCIOMERCATO - LE TRATTATIVE LIVE - IL TABELLONE - LO SPECIALE

Un'infanzia di stenti e povertà, poi il calcio. La vita di Antonio Cassano rivoluzionata in un secondo: dalla strada al campo, fino ad arrivare al grande Real Madrid. Fantantonio oggi ha deciso di dire basta, ma la sua carriera, la sua vita, è una sorgente infinita di aneddoti e ricordi. Molti li ha raccontati a Olivier Dacourt, ex compagno ai tempi della Roma, oggi opinionista di Canal Plus: "Fino a 17 anni ho vissuto la fame - ha raccontato Cassano - ma la fame nel vero senso della parola. Mia madre non lavorava, era casalinga, e guadagnavamo 3-4mila lire al giorno: con quelle dovevamo mangiare. Mia madre ha fatto tanti sacrifici per me, allo stesso tempo non è mai andata a scuola e non è che parla molto bene l’italiano".

Il calcio lo ha accompagnato fin da piccolo:" “Mia madre mi faceva fare tutto. Giocavo per la strada, tra i vicoletti e naturalmente c'erano le persone più grandi che mi sceglievano, io guardavo a chi mi dava mille lire in più o in meno perché ero più forte di tutti. Non avevo soldi, mai visti nella mia vita: dicevo ‘scegli me, ti faccio vincere’ e ogni giorno giocavo in strada, per guadagnare qualcosina. La mia grande occasione è sempre stata il calcio, all’epoca mi aveva portato a vivacchiare perché per me duemila lire in un più o in meno facevano la differenza per me".

"Il debutto a Bari mi ha cambiato la vita. Real, quanti rimpianti..."

Il debutto con la maglia del Bari, in quel famoso Bari-Inter, è stato il nuovo inizio di Cassano: “Avevo 17 anni, era la partita che poteva cambiare la mia vita in tutto e per tutto, farmi diventare ricco, famoso e anche bello. Il calcio fa diventare tutti belli”. Pochi anni dopo si è trovato al Real Madrid, grande rimpianto della sua carriera: “Lì ero nel club migliore della storia, avrei potuto restare a lungo e vincere molto, avrei potuto fare la storia del calcio. Invece ho seguito il mio istinto e ho fatto i miei errori, un allenatore non mi ha fatto giocare, l’ho insultato, ma la mia storia era iniziata bene con il Real. Dovevo sostituire Figo e Owen, due palloni d’oro, il che significava che ero un grande giocatore anche se avevo 23 anni. A Madrid ho incontrato due dei più grandi campioni di tutti i tempi, Zidane e Ronaldo, il fenomeno. Molti avrebbero pagato per giocare in quella formazione. Ma a volte non giocavo e mi lamentavo, un giorno Capello mi ha sostituito e gli ho detto di tutto nel tunnel degli spogliatoi, l’ho insultato in italiano e in spagnolo, senza motivo. Dopo un anno di discussioni con tutti, ho lasciato”. Una confessione finale su ciò che gli è mancato nella vita: “Penso che se nella vita avessi avuto una persona autoritaria a fianco, qualcuno come un padre, questo mi avrebbe messo sulla strada giusta”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.