Fiorentina-Juventus 0-2, Bernardeschi e Higuain stendono i viola: GOL E HIGHLIGHTS

Serie A

I gol di Bernardeschi e Higuain nella ripresa consentono ai bianconeri di sbancare Firenze e tornare in testa alla classifica. Ottima la prova della Fiorentina, che prende un palo nel primo tempo e recrimina per un rigore prima concesso e poi tolto col VAR per un fuorigioco di Benassi. 25 minuti in campo Douglas Costa, buone notizie per Allegri in vista della Champions

CLICCA QUI PER RIVIVERE LA CRONACA DI FIORENTINA-JUVENTUS

FIORENTINA-JUVENTUS 0-2

56' Bernardeschi, 86' Higuain

Fiorentina (4-3-3): Sportiello; Milenkovic, Pezzella, Astori, Biraghi; Veretout, Badelj, Benassi (79' Eysseric); Chiesa, Simeone, Gil Dias (67' Thereau).

Juventus (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner (61' Barzagli), Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Marchisio (65' Douglas Costa); Bernardeschi (78' Bentancur), Higuain, Mandzukic.

Ammoniti: 24' Lichtsteiner (J), 37' Gil Dias (F), 39' Alex Sandro (J), 66' Veretout (F), 84' Thereau (F), 89' Biraghi (F), 94' Benatia (J)

La Juventus non brilla ma conquista una vittoria di straordinaria importanza nell’anticipo del Franchi, conquistando la vetta della classifica in attesa della sfida del Napoli contro la Lazio. La decidono Higuain e Federico Bernardeschi, il grande ex di giornata. Sommerso dai fischi, come spesso successo ai suoi predecessori etichettati come ‘traditori’ dal pubblico viola, punisce la sua vecchia squadra con una punizione in avvio di ripresa che si era procurato lui stesso. L’esterno azzurro fa fatica a vedersi nel primo tempo, dove tutta la squadra di Allegri soffre l’asfissiante pressing dei padroni di casa, ma poi cresce nella ripresa e da calcio piazzato porta in vantaggio i suoi. La Fiorentina, protagonista di un’ottima partita, recrimina per il rigore prima assegnato e poi tolto dal VAR nei primi 45’, quando viene ravvisato un fuorigioco di Benassi su tocco di Simeone. Da stabilire se il tocco del Cholito è da considerare una nuova giocata o meno. La squadra di Pioli tenta l’assedio dopo il gol subito, ma un super Buffon dice di no a Thereau e mantiene la porta inviolata per la quinta gara di fila, la 10^ nelle ultime 11 giornate di campionato. Nel finale, con i viola sbilanciati in avanti alla ricerca del pari, è Higuain, da bomber implacabile, a mettere la parola fine sulla partita battendo Sportiello nell’unica occasione avuta durante tutta la partita. Con questi tre punti i bianconeri effettuano il sorpasso sul Napoli, ora dietro due lunghezze con un turno in meno, e danno un segnale forte al campionato e anche al Tottenham, avversario settimana prossima nell’andata degli ottavi di Champions. I padroni di casa escono a testa alta dalla sfida, ma rimediano la terza sconfitta nelle ultime 4 gare. L’ultima vittoria davanti ai propri risale al 3-0 sul Sassuolo del 3 dicembre.

Primo tempo

La partita iniza con grande aggressività da parte di entrambe le squadre. La Juve dà subito la sensazione di voler fare la partita e il primo tentativo arriva dal destro di Marchisio che, da lontano, non preccupa Sportiello. Fischi per l'ex Bernardeschi. La Fiorentina prova ad alzare la linea di pressione ma spreca una buona opportunità su un disimpegno sbagliato dalla retroguardia bianconera, con Chiesa che scivola e perde il tempo della giocata. Dopo il quarto d'ora la prima vera occasione viola con Benassi che tira nello stesso modo del suo avversario di mediana poco prima, senza grandi risultati. Al 18' la prima svolta della gara. Benassi crossa in mezzo e Chiellini la tocca con il braccio: calcio di rigore per la Fiorentina. Inizialmente il VAR sembra confermare la decisione di Guida, ma dopo un paio di minuti consigliano l'arbitro di non concedere più il penalty perché l'ex capitano del Torino è partito in posizione irregolare. La decisione non demoralizza i padroni di casa, di nuovo pericolosi con il passaggio di Gil Dias, sventato dalla difesa di Allegri. Ancora il portoghese protagonista nel finale di tempo, quando sfrutta il contropiede di Chiesa, punta Chiellini, lo salta e poi col destro colpisce un palo clamoroso. L'ultima chance prima del duplice fischio del direttore di gara è il tiro al volo di Simeone che, squilibrato, la prende male e la sfera va lontanissimo dallo specchio.

    

Secondo tempo

La Fiorentina riparte con lo stesso atteggiamento offensivo e in fiducia della prima frazione di gioco. E dopo pochi secondi arriva subito la canche del vantaggio con Milenkovic che, su azione d'angolo, stacca più in alto di tutti e di testa tira a lato di circa un metro. Il pressing viola non si attenua e tocca a Chiesa e Veretout mettere spavento ai bianconeri, ma entrambi non trovano la giocata vincente. Sembra il momento giusto per affondare alla ricerca del gol, ma al 56' arriva il lampo Juve. Bernardeschi guadagna una punizione dal limite, verso il vertice destro dell'area di rigore, ed è lui stesso che si incarica della battuta. Il grande ex di giornata conclude di mancino sul lato del portiere e beffa Sportiello, siglando l'1-0 a favore dei bianconeri. La squadra di casa reagisce subito e crea un piccolo assedio in area avversaria, fermato dalla difesa. Nel frattempo entra Douglas Costa per Marchisio e il brasiliano si fa subito vedere su uno scambio con Bernardeschi e cross in mezzo che Higuain conclude fuori di poco, complice la deviazione di Pezzella. Pioli invece si gioca la carta Thereau e il francese ha subito una grande occasione per il pareggio, con Buffon tempestivo in uscita a parare la sua conclusione. Neanche a Badelj riesce il gol di giornata, perché il suo tentativo dalla distanza viene deviato sul fondo. La Fiorentina produce il massimo sforzo e la Juve in contropiede la punisce. Chiellini lancia Higuain in campo e l'argentino non si fa sfuggire l'occasione, battendo Sportiello e chiudendo la sfida a 4 giri di lancette dal termine.

    

STATISTICHE DELLA PARTITA

Differenza reti di +46 per la Juventus: alla giornata 24 solo quattro volte è stato fatto meglio in Serie A, ultima nel 1958/59 (Fiorentina, +52).

Higuain ha segnato cinque gol nelle ultime tre partite di campionato, dopo sei gare in cui era rimasto a secco.

Federico Bernardeschi ha segnato quattro gol nelle ultime sei partite in cui è partito titolare in Serie A.

La Juventus ha segnato quattro gol su calcio di punizione diretto, più di ogni altra squadra in questo campionato.

La Juventus ha segnato con il suo secondo tiro nella partita.

Higuain e Simeone hanno giocato 16 palloni nel primo tempo: sono stati i due giocatori di movimento ad averne giocati di meno.

La Juventus ha fatto un solo tiro nel primo tempo: l'ultima volta che i bianconeri hanno tentato così poche conclusioni è stata nell'agosto 2015 contro la Roma.

Quattro tiri nel primo tempo della partita: mai di meno in un primo tempo di questo campionato.

La Fiorentina ha colpito almeno un legno in tutte le ultime tre partite di campionato.

Undicesimo legno colpito dalla Fiorentina in questo campionato.

Partita numero 200 per Massimiliano Allegri con la Juventus (tutte le competizioni).

La Juventus ha segnato con il suo secondo tiro nella partita.

Higuain e Simeone hanno giocato 16 palloni nel primo tempo: sono stati i due giocatori di movimento ad averne giocati di meno.

La Juventus ha fatto un solo tiro nel primo tempo: l'ultima volta che i bianconeri hanno tentato così poche conclusioni è stata nell'agosto 2015 contro la Roma.

Quattro tiri nel primo tempo della partita: mai di meno in un primo tempo di questo campionato.

La Fiorentina ha colpito almeno un legno in tutte le ultime tre partite di campionato.

I più letti