Da Adidas a Puma: la storia delle maglie del Milan vista dai suoi sponsor tecnici

Serie A

Marco Salami

copertina

Oltre cent’anni di storia e una nuova svolta. Dopo venti stagioni il Milan passerà da Adidas a Puma. La storia delle maglie del Milan passa anche dagli sponsor tecnici. Sette in totale, da quelli famosi che hanno accompagnato le grandi vittorie ai soliti ignoti indossati in Serie B

SCOPRI LA NUOVA MAGLIA DEL MILAN

IL MILAN CAMBIA PELLE, PUMA NUOVO SPONSOR

 

In principio c’erano soltanto le righe, rosse e nere. “Rosso come il fuoco, nero come la paura che incuteremo nei nostri avversari”. Tanto per citarne uno importante. Uno, che è poi Herbert Kiplin. Consegnato alla storia come il primo presidente del Milan. Due colori e un simbolo. Una squadra di diavoli, anche se sulle prime casacche ci sarà solamente uno scudetto, crociato. La croce rossa su sfondo bianco che è simbolo di Milano, cucito a mano su divise pesanti. Quasi delle giacche, con tanto di bottoni. Perfette nella loro imperfezione. Poi però più niente, sia sul fronte che sul retro: solo righe. Solo il rosso e il nero. Dal 1899 fino al… 1939. Il primo spartiacque è lì, al principio di una guerra che avrebbe fermato il campionato per due anni. I giocatori scendono in campo con una novità: un numero, sulle spalle. Dall’1 all’11, perché all'epoca non esistevano panchina e riserve pronte a entrare in campo. Da lì in poi la gloriosa tradizione dei numeri di maglia: simbolo e scaramanzia. Dalla classe dei 10 al killer instinct dei 9, ma questa è un’altra storia.

Tre strisce

Uno sponsor tecnico che curi il fascino della divisa non ci sarà per il Milan infatti fino al 1978. In due anni i rossoneri rivoluzionano la maglia: prima compare il logo Adidas sul petto, a destra. L’anno dopo arriva lo scudetto, il decimo. E appare per la prima volta anche il simbolo tricolore. Il verde, il bianco e il rosso: vanto dei campioni. L’esordio è proprio con Adidas, alfa e omega rossonera, o quasi. Perché il Milan dalla prossima stagione passerà a Puma, spezzando un cerchio perfetto aperto e chiuso con la società della Baviera, quelli delle tre strisce. In mezzo, tra Adidas e Adidas, altri sei sponsor tecnici. Su maglia rossonera e su maglia bianca – la prima prodotta nel 1910 – quella delle finali, quella che il Milan ha sempre richiesto di utilizzare quando in palio c’era la gloria.

Ennedue sarà sponsor del Milan tra il 1982 e il 1984, in due stagioni la promozione dalla B alla A e un sesto posto in campionato (foto LaPresse)

Con Rolly Go il Milan gioca la stagione 1984-85, i rossoneri finiranno quinti in Serie A. Nella foto Mark Hateley e Ray Wilkins (foto Getty)

I soliti ignoti

Quattro in sei anni, un punteggio mozzafiato, se solo si parlasse di scudetti. Ma in realtà i numeri si riferiscono agli sponsor tecnici. Dopo Adidas, il primo, i rossoneri alternano un poker di marche. Da Linea Milan a Rolly Go, passando per Ennedue e… Gianni Rivera. La cui linea fu sponsor del Milan per una stagione, quella 1985-86. Sciagurata? Nemmeno troppo, pensando alle ultime annate più attuali: settimo posto in campionato. Ma il Milan aveva fatto ancora peggio con gli altri. Linea Milan per esempio, il cui logo è appoggiato sul risvolto del colletto, compare sulle casacche di una squadra che nell’80-81 gioca in Serie B, non certo un orgoglio. Peggio ancora però andrà l’anno dopo, in A, ma terzultimi, e di nuovo sprofondati nell’inferno della retrocessione. Con Ennedue - una N e una R sulla divisa (perché in origine fondata come Ennerre) - la nuova promozione e un sesto posto in campionato. Dunque nell’oblio di metà classifica anche con Rolly Go e Rivera. Ma la svolta, circa sponsor e risultati, è ormai molto vicina. 

Il primo Milan di Berlusconi vestirà Kappa, vincendo il primo scudetto nel 1988 e il bis di Coppe dei campioni ’89 e ’90 (foto Getty)

Il ritorno di fiamma con Adidas dura dal 1990 al 1993: il Milan vincerà due scudetti in tre anni (foto Getty)

Maglie da collezione

A quel punto il Milan cambia tutto: Kappa, ancora Adidas per tre anni, poi Lotto e di nuovo Adidas. Nel lungo matrimonio di cristallo: vent’anni insieme, e quanti trofei. Perché la maglia, col passare del tempo, non sembra più essere messa lì soltanto per distinguere le due squadre. Piano piano diventa infatti qualcosa di più: si trasforma in storia che diventa mito, tradizione e collezionismo, quasi un cimelio da appendere alla parete. Vestirà Kappa il primo Milan di Berlusconi. Che plana col suo elicottero sull’Arena di Milano promettendo l’utopia più grande: primi nel mondo, in pochi anni. Con Sacchi e i tre olandesi arriva lo scudetto contro il Napoli di Maradona e le due Coppe campioni, di fila. Kappa è lì, sul petto, leggermente spostato sulla destra: un uomo e una donna seduti schiena contro schiena, perché quella squadra è talmente bella da guardare che va vista da ogni direzione. Con Adidas, poi, il ritorno di fiamma, e altri due scudetti. Con Lotto - e i due rombi sovrapposti - altri due titoli nazionali e un’altra Champions, tra il 1993 e il 1998.

Il Milan vestirà Lotto tra il 1993 e il 1998, due scudetti vinti e la Champions contro il Barcellona ad Atene (foto Getty)

Il matrimonio con Adidas durerà per vent’anni, quelli più recenti: tre scudetti vinti più altre due Champions League in bacheca (foto Getty)

Verso il futuro

Puma sarà il nuovo sponsor tecnico del Milan, dopo il legame 1998-2018 con Adidas, alla terza chiamata sulle divise rossonere. Il terzo esordio fu valido subito per lo scudetto del centenario con Zaccheroni in panchina. Dunque qualche anno buio e il ritorno di Ancelotti: uno scudetto più altre due Champions, prima dell’ultimo tricolore del 2011 con Allegri in panchina e Ibra in attacco. Puma è il futuro. Puma è la nazionale italiana, oltre che Bordeaux, Newcastle e Rennes. Ma se guardiamo in grande anche Arsenal e Borussia Dortmund, oltre ad altre stelle del calcio europeo come Antoine Griezmann, Sergio Agüero, Fàbregas, Balotelli, Reus o lo stesso Gigio Donnarumma, che Puma lo è da sempre: dalle scarpe ai guantoni. Proprio Donnarumma che del nuovo Milan deve e vuole diventare (anche lui) un simbolo, dopo tutte le turbolenze estive ormai risolte. Nuovo, perché è di meno di un anno fa la svolta epocale. Il passaggio di società: dall’utopia di Berlusconi agli investimenti asiatici. L’altra svolta, ora, sta sulla maglia. Il futuro è Puma. Animale veloce, famelico e pericoloso. Un vestito ancora lontano dal Milan del campo - nonostante gli ultimi passi avanti - e comunque pur sempre un buon obiettivo a cui mirare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.