Matuidi: "Juventus, che classe! Buffon mi ha accolto con un bacio"

Serie A
Matuidi, Juventus (Lapresse)

Il centrocampista francese svela all'Equipe un aneddoto relativo al suo arrivo a Torino: "Buffon mi ha accolto con un bacio, io l'ho inteso come un benvenuto in famiglia. La Juventus per me è classe, Davids uno dei miei modelli. Al Psg volevano che rimanessi"

LAZIO-JUVENTUS, LE PROBABILI FORMAZIONI

Alla Juventus è arrivato la scorsa estate, matrimonio bianconero che però si sarebbe potuto celebrare anche un anno prima: storie e intrecci di mercato che alla fine però hanno portato Blaise Matuidi a fare la valigia destinazione Torino. E il suo primo impatto con il mondo Juventus difficilmente lo scorderà: "Il mio primo contatto con Buffon? Un bacio, sì proprio così. Mi ha dato un bacio appena sono arrivato alla Juventus. L'ho interpretato come un modo per dire: 'Sei della famiglia'", ha ammesso il francese nel corso di un'intervista rilasciata a L’Equipe. Matuidi che non nasconde la sua grande ammirazione per quella che oggi è diventata la sua squadra: "Quando ero ragazzo seguivo i grandi giocatori. E la Juventus ne aveva molti: Baggio, Del Piero, Buffon, Thuram e anche  Edgar Davids, l'olandese è stato uno dei miei modelli. La Juventus per me è la classe, la maglia bianconera, una squadra che merita rispetto. Mi ricordo di uno Juve-Psg, facevo ovviamente il tifo per i francesi, ma la Juventus vinse 6-1: che grande squadra!", le parole del centrocampista.

"Al Psg volevano che rimanessi, ma avevo già scelto la Juventus"

La grande ammirazione per i colori bianconeri, ma non solo: a convincere Matuidi ad accettare la corte del club del presidente Agnelli anche alcuni ex Juventus. "Ne avevo parlato molto con Pogba e con Evra, tutti mi hanno detto grandi cose, e anche il ct Deschamps è passato da quelle parti. L'ho sentito al telefono quando avevo già preso la mia decisione, l'ho chiamato per comunicargliela. In quel momento – prosegue Matuidi – la Francia aveva davanti gare importanti e volevo chiarire la mia situazione. Era molto felice per me". Meno felici invece i suoi ex compagni del Paris Saint-Germain: "Ho parlato molto con Dani Alves, Thiago Motta e con altri compagni. Volevano che restassi perchè, al di là delle mie qualità, ho trascorso sei anni a Parigi e conoscevo perfettamente il club. Ma la mia scelta era già stata fatta", ha concluso Matuidi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.