Inter, Spalletti: "Icardi è pronto, voglio la faccia cattiva"

Serie A
Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter (Getty)

A tutto Spalletti: "Il derby col Milan è il nostro futuro, servono coraggio e faccia cattiva. Dobbiamo determinare il nostro avvenire. Gattuso? Lo stimo, è lui che può insegnarmi cosa significa giocare partire del genere"

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI

A tutto Luciano Spalletti in sala stampa. Domenica c'è il derby contro il Milan, una partita che può valere una stagione: "Dobbiamo determinare il nostro futuro". Parola di Luciano, che in conferenza ha parlato così in vista del prossimo impegno: "Voglio la faccia cattiva!".

"Icardi è prontissimo per il derby"

"Icardi è prontissimo, il derby dà sensazioni particolari a chi è forte. I nostri punti dicono tanto perché li abbiamo fatti noi. La cosa più difficile sarà andare a determinare le situazioni e giocare a viso aperto con le nostre qualità". Suso è il giocatore che bisognerà tenere d'occhio: "A me preoccupa che i miei non facciano cosa sanno fare, gli altri non mi preoccupano perché a me sorprendeva prima la loro posizione in classifica. Hanno tutti giocatori forti ma li affronteremo convinto di avere altrettante qualità. Prima di un allenamento si hanno sempre dubbi, ci sono 2 o 3 situazioni che ti porti dietro. O che possono cambiare le decisioni. Accumulo, fatiche, o piccole infiammazioni, che vengono. Cancelo parte basso, nessun dubbio su questo". Prosegue Spalletti: "Non bisogna condizionare il pensiero dei tifosi, in modo sbagliato il pensiero di chi ha immagini sul proprio Iphone, chi porta la sciarpa, chi porta il gadget. E' questo che è sbagliato". 

"Voglio la faccia cattiva"

"Per la prossima gara serve il coraggio di fare scelte importanti. Servono coraggio e faccia cattiva. Questa partita é il nostro futuro. Dobbiamo analizzare in maniera corretta cosa manca da qui alla fine L'Inter è una società organizzata, è logico che per voler stare nei conti si è creata problemi. Vuole stare dentro regole per ben precise, per questo è stata criticata. Quindi, questo fatto di voler far sembrare questa squadra quello che non è, è sbagliato. La società fa bene a difendersi in un modo importante. Bisogna difendere quelle persone che portano i segni addosso, è giusto che vivano la loro passione in modo corretto. Devono farsi i pensieri corretti per quello che vedono, non bisogna modificarli". 

"Gattuso? E' lui che può insegnarmi cos'è il derby"

"Ci sono cose che Gattuso può insegnarmi, io ero uno scarsino, ero uno che il martedì e il mercoledì andava ad allenarsi per correre, non andavo durante le partitelle. Lui sì. Penso che i calciatori devono avere la convinzione di giocare, di stare bene. Voglio la faccia cattiva per questo derby. E' il periodo che stanno attraversando che li fa essere stanchi. Sarebbe stato meglio che non avessero giocato mercoledì per me. Assolutamente in sintonia coi miei calciatori, contento di quello che mi hanno dato e che mi daranno. Parto dal presupposto di riuscire a motivare i miei calciatori, di riuscire a metterci quelle cose che loro sono in grado di ascoltare. Sta a te trovare il verso di proporgli la cosa. Come ho già detto altre volte non sono bravo se faccio bene il mio lavoro secondo voi, giornalisti. Ma secondo i miei calciatori. Loro sanno parlare di questo sport". Su Miranda: "E' recuperato, ha nelle sue possibilità lo sviluppo dei 100 minuti". 

"Dobbiamo determinare il futuro"

Un commento su Karamoh e Candreva: "Antonio ha giocato trequartista l'ultima gara, l'ho fatto allenare anche lì. L'obiettivo di Karamoh, invece, non è il barattolo messo sul muro più vicino, lui ha mire molto più distanti. Ha qualità mentali e atletiche, è uno di quelli che si possono utilizzare in qualsiasi tipo di partite". Prosegue Spalletti, sugli obiettivi stagionali: "Noi non possiamo attendere il futuro, dobbiamo determinarlo. Se vogliamo arrivare in Champions non ci sono momenti in cui dici "ok, questo postponiamolo alla prossima sfida". No, poi resti indietro. E' il momento di prendersi responsabilità importanti. Ci sono alti e bassi, li possiamo passare. Ma non è più permesso averli". Sulle dichiarazioni dell'agente di Kondogbia: "Se fossi in lui cambierei agente. In questo momento andarsi ad addentrare dentro particolari simili non mi sembra il momento. Devo usare tutte le energie che ho per riuscire a dare un contribuito alla partita contro il Milan. Se l'agente vuole portare Kondogbia da qualche altra parte può fare come vuole". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.