Juventus-Atalanta, Allegri: "Scudetto non è vinto, il Napoli è lì. Quarti Champions? Basta Barça"

Serie A
Massimilliano Allegri - Juventus (getty)

I bianconeri superano l'Atalanta dopo una partita non facile: i gol di Higuain e Matuidi consentono ad Allegri di portarsi a +4 sul Napoli. Così l'allenatore: "Questa squadra sa difendersi e non se ne vergogna. Il sorteggio? Eviterei Barcellona e Real, che per me è la favorita della Champions"

JUVE-ATALANTA 2-0, ALLEGRI ALLUNGA SUL NAPOLI. GOL E HIGHLIGHTS

SERIE A, RISULTATI E CLASSIFICA

La Juventus prolunga la sua striscia positiva e allunga sul Napoli: l'Atalanta è battuta 2-0 nel recupero dell'Allianz Stadium, a segno Higuain nel primo tempo e Matuidi a poco più di 10' dal termine. Non una partita facile per i bianconeri: la squadra di Gasperini ha pressato alta e dimostrato buone trame di gioco, nonché un'ottima personalità. Non è bastato però per impensierire Buffon e compagni: con un Higuain in formissima che prima segna e poi serve a Matuidi l'assist per il raddoppio. Massimiliano Allegri, al termine del match, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per il commento: "I ragazzi sono stati bravi contro un'ottima Atalanta. E' una vittoria che ci porta a quattro punti sul Napoli, che però è ancora lì. Serviranno tanti punti per arrivare allo scudetto". L'allenatore è soddisfatto della prestazione di squadra e anche di alcuni singoli: "Higuain è cresciuto molto sul piano della fiducia e ha iniziato a fare il regista difensivo, che faceva quando era giovane. Dybala sta crescendo fisicamente, così come il resto della squadra. La cosa più importante è che cambio 5-6 giocatori a partita: questo gruppo lavora unito per vincere, altrimenti non puoi mantenere tre competizioni".

 

"Questa squadra non si vergogna di difendere"

Allegri spiega anche il momento di nervosismo finale con Benatia: "Un momento di rabbia, poi si è subito calmato, lui è un ottimo giocatore e un bravo ragazzo, anche se a volte gli si chiude la vena. Gli ho detto basta, di stare zitto. Bisogna usare il cervello anche sul 2-0 e con una partita in discesa". Quando gli viene chiesto dell'intensità con cui Buffon e Chiellini comandano la difesa, Allegri risponde: "Tutte le situazioni vanno vissute con grande emozione e entusiasmo. Vedere Buffon a 40 anni e Chiellini ancora così è molto bello. Nel calcio la fase difensiva, che tutti denigrano, la si deve saper fare. Bisogna avere piacere a difendere. Questa squadra ha piacere a difendere e non ne ha vergogna. Singolarmente, oltre che di squadra. E i ragazzi lo stanno facendo bene". Prossimo appuntamento importante, prima della Spal, sarà fuori dal campo. Ma a Nyon, sorteggio dei quarti di finale: "Se potessi scegliere chi evitare, direi Barcellona. Li affronto da 8 anni, ora basta (ride, ndr). Eviterei anche il Real, che per me è la netta favorita di questa Champions. Spero che a Madrid non si arrabbino ma faccio una battuta: hanno preso 3 mesi di vacanza e ora stanno giocando seriamente. Al di là di questo, la Champions e la qualificazione di Wembley sono state importantissime. Ci alleniamo tutti i giorni per raggiungere il 7° scudetto e per giocare queste meravigliose serate in Europa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport