Esclusiva Sabatini: "Lasciare l'Inter scelta dolorosissima, ma non c'erano i presupposti per proseguire"

Serie A

In un'intervista esclusiva ai microfoni di Sky Sport, Walter Sabatini ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a lasciare l'Inter: "Non potevo contraccambiare la fiducia dei tifosi, le procedure del club non erano affini con il mio modo di lavorare". Parole d'affetto anche per la Roma

INTER-CAGLIARI LIVE

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI

"Una scelta dolorissima, perché l'Inter è il massimo dal punto di vista professionale". Nel corso di un'intervista in esclusiva ai microfoni di Sky Sport, Walter Sabatini è tornato sulla fine della sua esperienza in nerazzurro spiegando i motivi che lo hanno spinto a salutare: "A certe condizioni non pensavo di poter essere utile ad una squadra che merita un lavoro diverso da quello che avrei potuto sviluppare qui. Ho creduto di non poter assecondare i desideri dei tifosi. Ma non essendoci i presupposti - ha proseguito Sabatini - ho preferito ringraziare Suning. Ma qui non avrei potuto fare il mio calcio né contraccambiare fino in fondo la fiducia, per le procedure e il modo di affrontare la vita del club che non erano affini al mio modo di sviluppare questa attività. Chiedo scusa ai tifosi dell'Inter per questo". Per Sabatini, però, l'Inter è in ottime mani: quelle di Spalletti: "Lui è una garanzia per centrare la Champions League, io lo definisco il dirimpettaio della follia. Ma il calcio senza un pizzico di follia non si gioca, non ha senso. Non servono geometri o personaggi che pongono un'attenzione maniacale sulle cose. Spalletti vive il calcio come un arte, con una sofferenza incredibile ed è un allenatore importante".

Sulla Roma e sul proprio futuro

Non solo Inter però, nel recente passato di Sabatini c'è anche la Roma. E l'ex ds giallorosso ha parole d'affetto per una squadra che ha contribuito a costruire e che adesso può ambire a traguardi di alto livello: "La Roma la sento ancora mia, ci sono 9/11 dei ragazzi che nel tempo sono stati acquisiti. Non è una storia estemporanea, ma un lavoro a monte che è stato fatto. La Champions League? Li seguo con grande affetto e anche con la consapevolezza che potrebbero produrre un risultato leggendario. Me lo auguro con tutto il cuore". Infine, Sabatini viene interrogato sul proprio futuro. Nessuna certezza, se non una: "Se sto tessendo il mio futuro? Io sopporto il mio futuro, sarò pronto a qualsiasi nuova possibilità che mi sarà data, perché sono un uomo che senza calcio perde l'orientamento nella vita. Ho bisogno di una priorità e la mia priorità è il calcio".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.