A Napoli sembra Capodanno: una città in festa dopo la vittoria sulla Juve

Serie A

Subito dopo il fischio finale della partita dello Stadium scatta la festa a Napoli. Botti e fuochi d'artificio, un'intera città che scende in piazza in preda all'euforia. E Koulibaly è già il nuovo santo

CORSA SCUDETTO, CALENDARI A CONFRONTO

LO SFOGO DI ALLEGRI - LE PAROLE DI SARRI

JUVE E NAPOLI, CI ASPETTA UN MESE DI ESALTANTE SOFFERENZA

È bastato tornare a un passo dalla vetta, arrampicandosi su quella montagna che risponde al nome di Koulibaly, per far scattare la festa a Napoli. Festa vera, folle, spontanea, apparentemente immotivata, sottolinea chi ricorda ai tifosi azzurri che la loro squadra è ancora dietro alla Juventus in classifica. Ma questa non è una notte di calcoli, non è la notte in cui si chiede di usare la testa (ci ha già pensato Koulibaly); si ragiona con la pancia, e l'istinto, ai tifosi del Napoli, dice di fare festa.

Sui social rimbalzano le testimonianze di come una città intera sia scesa nelle strade per esultare: cori, caroselli, botti. La prima festa è scattata nello spogliatoio del Napoli: subito twittata la foto di squadra (ripresa da Insigne e Hamsik sui loro profili Instagram), accompagnata da un commento semplice: "Abbiamo vinto". Sorridono tutti, Reina in fondo al gruppo in versione fantasma e un grande interrogativo: dov'è Koulibaly? Che abbia scattato lui la foto?

Koulibaly è già stato fatto santo, i fotomontaggi sui social si sprecano. Poi però arriva anche il momento della ragione, almeno sull'account del club, e dopo aver dato spazio ai complimenti di De Laurentiis e alle parole del leader Reina ("Testa bassa e tanto lavoro!! Non si è fatto altro che prendere l’ultimo treno possibile verso il SOGNO SCUDETTO...felicissimi per la grande vittoria ma ancora 360’ da giocare,soffrire e lottare insieme!!"), viene retwittata una statistica che fa rumore. Come un botto.

Ma per i tifosi i numeri contano poco, almeno per questa notte. Tanto per dare un'idea dell'atmosfera che si respira in città, ecco qualche video. È il 22 aprile, sembra Capodanno.

Non mancano ovviamente i tifosi illustri, da Maradona che posta una foto con la maglia del match-winner a Nino D'Angelo che esulta in rima ("Koulibaly si 'a vita mi'"), dal presidente della Camera, Roberto Fico, al sindaco De Magistris.

Una festa che non conosce età. E chi è troppo piccolo per uscire in strada a far sentire la propria voce si accontenta di sventolare una bandiera cantando nel salotto di casa.

Inevitabile, però, pensare a quali saranno ora le conseguenze del gol di Koulibaly, dopo una notte di festa...

I tifosi più fortunati, quelli che erano allo stadio, hanno reagito con lacrime di incredulità e commozione. Chi non c'era, ma era vicino con il cuore, ha subito voluto andare incontro alla squadra. A due ore dall'arrivo del Napoli a Capodichino, la strada verso l'aeroporto era già bloccata...

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.