Inter-Juve: Vecino, Pjanic e l’inevitabile incoerenza del Var

Serie A

Lorenzo Fontani

Non sono mancate le polemiche nel big match di San Siro tra Inter e Juventus. Contestato il rosso a Vecino (arrivato dopo consulto VAR) per fallo su Mandzukic. Contestato il mancato secondo giallo a Pjanic. Non vanno dimenticati gli episodi dei due gol della Juve rivisti e corretti con la video assistenza. Abbastanza per sostenere che anche nella serata del Meazza lo strumento, in ciò per cui era stato concepito, non ha fallito.

LO SFOGO DI ALLEGRI DOPO INTER-JUVE

PAZZA JUVE, HIGUAIN FORMA LA RIMONTA: 3-2 E INTER KO

HIGUAIN-CUADRADO DECISIVI. ICARDI, NON BASTA IL CUORE

LE PAGELLE

Se era necessaria una conferma sul fatto che il Var serva per limitare gli errori, ma non le polemiche, Inter-Juventus l'ha definitivamente fornita. Per la soggettività che rimane nella valutazione degli episodi, e per la scelta fatta a monte di limitarla solo ad alcune categorie di episodi, lasciando un'inevitabile senso di ingiustizia quando un chiaro errore viene commesso fuori dal famigerato protocollo.

Esempi lampanti sono il rosso a Vecino e quello mancato a Pjanic. Nel primo caso la questione non è tanto se l'intervento dell'interista fosse da rosso: visto e rivisto al microscopio della moviola, l'espulsione appare legittima (citando il regolamento: "con vigoria sproporzionata si intende che il calciatore eccede nell’uso della forza necessaria e mette in pericolo l’incolumità di un avversario, e per questo deve essere espulso"). Il tema è semmai quello dell'uniformità, e quindi appunto della soggettività, nello stabilire se il mancato rosso fosse o meno un "chiaro errore". Valeri, Var a San Siro, ha ritenuto che lo fosse, ma non è detto che al posto suo qualunque altro arbitro al video avrebbe fatto la stessa valutazione (basti ricordare ad esempio il mancato richiamo del Var dopo un'entrata simile di Gagliardini su Sandro in Inter-Benevento).

Un'incoerenza inevitabile (solo limitabile con l'esperienza e l'allenamento), come quella che l'Ifab sapeva di introdurre quando, dopo lunghi studi ed esperimenti, ha deciso di escludere dalla possibilità di revisione le espulsioni per secondo giallo (l'avrebbe meritata Pjanic se non per il primo senz'altro per il secondo fallo su Rafinha): sindacare sui secondi gialli avrebbe comportato la necessità di rivedere anche i primi, e a quel punto la fluidità del gioco ne sarebbe rimasta gravemente compromessa.

Alla fine però non va dimenticato che restano gli episodi dei due gol della Juve rivisti e corretti con la video assistenza: per capire che Matuidi non aveva toccato il pallone e che quindi il gol di Douglas Costa era regolare, e per annullare quello dello stesso Matuidi per uno strano, ma chiarissimo fuorigioco al momento del tocco di petto di Khedira. Abbastanza per sostenere che anche nella serata del Meazza lo strumento, in ciò per cui era stato concepito, non ha fallito.

Certo utilizzarlo non è semplice: e Orsato come Valeri, che dovranno usarlo nel Mondiale russo - entrambi in cabina video e non in campo - non potevano fare un allenamento migliore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport