Milan, Gattuso: "Ripartiamo con entusiasmo e senza paura. Nessuno ha chiesto la cessione"

Serie A

Le parole in conferenza stampa di Gennaro Gattuso e Massimiliano Mirabelli, che, al primo giorno di raduno, hanno presentato la nuova stagione rossonera

IL MILAN A ELLIOTT: SFUMATO ACCORDO CON RYBOLOVLEV

COMMISSO: "MILAN, SONO ANCORA IN GIOCO"

LIVE: TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

Tra campo, mercato e questioni societarie: comincia ufficialmente la nuova stagione del Milan. I rossoneri - come le altre big della Serie A - si ritrovano oggi per la prima volta a Milanello, per il giorno uno del raduno estivo (alle 17.30 in campo). In attesa della decisione del TAS sulla squalifica dalle coppe europee e degli sviluppi relativi al futuro della società, a parlare in conferenza stampa saranno Rino Gattuso e il ds Massimiliano Mirabelli. Proprio l'allenatore calabrese ha anticipato ai microfoni di MilanTV i temi più importanti: "È la maglia quello che conta - ha detto analizzando il momento del club - Dobbiamo ripartire dalla maglia del Milan, che va rispettata e onorata sempre. Sono sicuro che presto arriveranno tempi migliori. Nonostante tutto, la società non ci ha mai fatto mancare nulla". Ora si ricomincia a lavorare: "Non ho riposato più di tanto, io e il mio staff abbiamo lavorato molto. Speriamo di non perdere nessuno per strada e di allenarci bene. Sono curioso di rivedere tutti i miei ragazzi. Spero di rivedere i miglioramenti degli ultimi mesi. Chi è cresciuto tanto come Kessie, Calhanoglu e Suso spero possa continuare su questa strada".

Come arriva la squadra alla nuova stagione?

"Bisogna guardare al futuro, abbiamo cambiato poco, sono sicuro che qualcuno arriverà. Dobbiamo ripartire con entusiasmo, gli alibi si mettono da parte. Siamo qui per sudare e lavorare. Le problematiche ci sono e ci sono state, abbiamo il dovere di preparare la stagione al meglio. Il mio carattere? Sono così, è una caratteristica che non posso cambiare, mi piace spronare i ragazzi. Fa parte di me".

Come hai vissuto gli ultimi 50 giorni?

"Dico sempre la verità: sono stati 50 giorni non facili per me, per come vivo tutte le situazioni. Posso garantire che ho passato di peggio in società diverse, sono abituato. Sono convinto che si può solo migliorare, ho sentito tante voci in questi 50 giorni, che i giocatori vogliono andare via. Ad oggi nessun giocatore è venuto da me. Forse qualche procuratore ma io non parlo coi procuratori. Ripartiamo da una base importante, vedremo se questa squadra verrà rafforzata o no. Ma con i giocatori che rimangono partiamo da una buona base". Sul suo ruolo di certezza: "Sento pressione ma non mi fa paura. Da solo posso far ben poco, questa è una società storica. La società che ci rappresenta oggi ha avuto difficoltà ma non ci ha mai fatto mancare nulla a livello economico. La squadra e le persone sono sempre state bene. Il presidente non sta tutti i giorni a stretto contatto e diventa tutto più difficile. Dobbiamo onorare questa società e fare di tutto per farla funzionare al meglio. La pressione la sento ma mi piace, mi sento il primo tifoso, l'allenatore, mi sento tutto. È un onore per me allenare una società così. Non mi fa paura, ce la metterò tutta per fare del mio meglio".

Cosa pensi della squadra e dei possibili rinforzi?

"La base è importante, per rinforzare la squadra Mirabelli e Fassone sanno la tipologia di giocatori che mi piacciono. Spero che arrivi qualcuno perché penso ce ne sia bisogno. Posso anche stare così, ma sono consapevole che le altre squadre, che erano già forti, si sono rinforzate. Il settore da rinforzare di più? Ho sempre detto che ci vuole un'alternativa all'attaccante esterno, una mezz'ala con le stesse caratteristiche di Kessie. Abbiamo Bacca, Kalinic, André Silva e Cutrone, quattro attaccanti. Se non si muove nessun attaccante l'attaccante non si fa e si va alla ricerca degli altri ruoli".

Psicologicamente come si affronta questo momento?

"La paura più grande in questi 50 giorni, non vedendo i giocatori, è stata non poterli pizzicare sull'orgoglio. L'obiettivo è prepararci con la testa, che l'Europa si giocherà. Poi se non la faremo pazienza, andremo alla ricerca di altri stimoli. Ma con la testa oggi dobbiamo pensare che giocheremo l'Europa League. Da maggio sono sempre stato a parlare con Fassone e Mirabelli, poi sono andato in vacanza e ho parlato qualche volta con loro. Non abbiamo discusso di obiettivi perché ci sono problematiche più importanti al momento".

Chi sarà titolare tra Donnarumma e Reina?

"Chi sta meglio gioca. Sono sicuro sia meglio avere due grandi portieri che non averli. Starà a me la difficoltà scegliere, ma va bene così. Gli attaccanti? È il campo che parlerà. Io spero che Bacca arrivi con la voglia di sudare e non con la voglia di andar via per forza. Se rimane qua deve rimanere come dico io e non come dice lui. Su Cutrone so quello che mi può dare. André Silva lo voglio molto più sveglio, si deve dare una svegliata. Ha le caratteristiche ideali ed è un buon giocatore, quello che ha fatto quest'anno non basta. Non si sa chi partirà titolare. Nella mia testa so quello che mi possono dare i quattro attaccanti che abbiamo a disposizione. I movimenti che fa Kalinic, per pulizia ed attacco di profondità, li fa solo lui. Gli altri hanno caratteristiche diverse". Su Halilovic: "Quante mezze punte state vedendo che giocano mezz'ala in questo mondiale? Lo vedo mezz'ala, con caratteristiche totalmente diverse a Kessie".

Cosa ne pensi del passaggio di Buffon al Psg?

"Non avrei pensato che a questa età sarebbe andato in una squadra come il Paris Saint-Germain. Mi ha sorpreso. Nel 2010 aveva la schiena a pezzi, invece siamo qua ancora a parlare di Gigi, a quarant'anni, che gioca in una delle più grandi squadre d'Europa".

Quali giocatori sono stati visionati al Mondiale?

"Non c'era bisogno di andare al Mondiale per vedere i giocatori. Era giusto che andassimo. Non dobbiamo prendere tanto per prendere, dobbiamo prendere giocatori funzionali che possano garantire un miglioramento. Chi arriva deve avere caratteristiche ben precise, non solo tecnico/tattiche, ma anche umane. Tanti trascurano l'aspetto caratteriale, come vive il giocatore, che carattere ha. A questo do una grande importanza, devo lavorarci e guardarlo negli occhi. Non voglio perdere tempo fuori dal campo tutti i giorni. Quando si parla di giocatori, a questo aspetto do una grande importanza".

Ci sarà qualche cambio tattico rispetto alla scorsa stagione?

"Ripartiremo da dove abbiamo finito, dobbiamo cominciare anche su qualche concetto nuovo, difesa a tre a partita in corso. Rimarrà sicuramente il centrocampo a tre, per il resto stiamo pensando a qualche modifica".

Cosa ne pensi del caso che si è creato intorno a Kalinic al Mondiale?

"Ha sbagliato solo un aspetto. Lui ha sempre sofferto a livello di pubalgia, gli dava fastidio. Quando è andato via di qua, non è stato onesto col suo allenatore. Quando becchi un allenatore sanguigno che pensa che devi andare sempre a 1000 all'ora è venuta fuori questa problematica. Ho parlato con lui. Non è facile allenarlo, ma è molto sensibile, non porta rancore. Quando chi lo circonda gli parla sempre in faccia si sa comportare. L'errore più grande che ha fatto è non essere stato onesto col suo allenatore".

Mirabelli: "Dobbiamo pensare positivo"

In conferenza stampa ha parlato anche il direttore sportivo rossonero Mirabelli: "Dobbiamo pensare positivo - ha spiegato - perchè prima di pensare a quello che potrà avvenire, perchè magari qualcosa faremo, dobbiamo pensare di avere un gruppo giovane, il terzo più giovane in Europa. Con questo gruppo Gattuso da quanto è arrivato, nonostante le difficoltà, è arrivato terzo. Dobbiamo partire da queste cose qua, da una squadra giovane con una anno d'esperienza, con giocatori giovani che si sono adattatati, abbiamo la possibilità di far iniziare a lavorare dal primo giorno con il metodo di Gattuso i ragazzi. Io sono molto positivo rispetto alla prossima stagione, non guardo quello che succede sopra. Dobbiamo guardare solo il campo. I ragazzi sono arrivati con grande entusiasmo e voglia, nessuno è venuto a dirci di voler andare via. Io vado controcorrente rispetto a quello che si pensa e sono positivo per il prossimo futuro".

"Nessuno ci ha chiesto la cessione. Suso-Inter? Lo escludo"

Sulla possibilità di perdere qualche big, poi: "Nessun giocatore e nessun agente è venuto a dirci di voler lasciare il Milan. Noi siamo in una fase dove dovremmo capire in base ai parametri del Milan per quello che ci è accaduto. Dovremmo fare un mercato a saldo zero. Vediamo quello che riusciamo a fare, abbiamo idee in entrata e in uscita ma non abbiamo la necessità di fare cessioni importanti a meno che qualcuno non ci dica di voler andare via. Suso all'Inter? Per quanto mi riguarda, i procuratori possono parlare con le società. Io posso escludere categoricamente che vada all'Inter. Ha una clausola per l'estero ma ha sempre dichiarato di voler rimanere al Milan e noi confidiamo in questo. Escludo che possa andare all'Inter".

"Morata-Immobile? Non vogliamo illudere nessuno. Vedremo"

Infine sulla possibilità di qualche big in arrivo: "Bisogna vedere cosa vuol dire big. Io sono del parere, e il Mister la pensa come me, è normale che nel momento in cui arrivano i giocatori debbano fare il salto di qualità alla rosa. Il big deve essere un giocatore importante. Mercato tanto per fare non lo facciamo. La cosa fondamentale è che sia nei ruoli sia nella scelta che proporremo sarà concordato con il suo consenso. Morata-Immobile? Noi non abbiamo mai fatto nomi per illudere qualcuno. Nel momento in cui uscirà qualche attaccante dovrà arrivare qualche attaccante superiore a quelli che abbiamo e funzionale al gioco che ha in mente Rino. Abbiamo la consapevolezza di conoscere le dinamiche e i calciatori di mercato. Ci secca però oggi dire quale giocatore i tifosi debbano sognare. Dobbiamo stare con i piedi per terra e i tifosi devono sapere che qui c'è qualcuno che lavora ventiquattro ore su ventiquattro per il bene del Milan".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche