Juventus, Trapattoni: "Cristiano Ronaldo come il mio Platini"

Serie A

Il Trap parla a Tuttosport dell'arrivo di CR7: "Solo la Juventus poteva attirare in Italia un fuoriclasse del genere. Ronaldo può essere per Allegri un po' quello che Platini è stato per me. È vecchio? Non scherziamo…"

CR7 IN CINA, UN'ACCOGLIENZA DA IMPERATORE. LE FOTO

RONALDO, NIENTE SFIDA AL REAL: ESORDIO IL 12/8

È stato il grande colpo di mercato dell'estate del 2018, Cristiano Ronaldo vestirà il bianconero  nella prossima stagione e l'attesa per vederlo all'opera in Serie A aumenta sempre più con il passare dei giorni. Dell'approdo alla Juventus del portoghese ha parlato anche Giovanni Trapattoni nel corso di un'intervista rilasciata a Tuttosport: "Soltanto la Juventus, con l'ambizione della famiglia Agnelli e la sua storia vincente, poteva attirare in Italia un fuoriclasse come Cristiano Ronaldo. Un campione che oltretutto giocava già in una grandissima squadra come il Real Madrid capace di conquistare tre Coppe Campioni consecutive. Cristiano, oltre che la Juve, può aiutare l'immagine del calcio italiano che comunque non è mai scesa a livelli bassi. Quello bianconero è un club che ha un fascino speciale, ve lo dico io che ho vinto tanto in bianconero e altrove, ma calcisticamente sono cresciuto nel Milan", le parole di Trapattoni. Che poi torna su CR7: "Diciamo che Ronaldo può essere per Allegri un po' quello che Platini è stato per me. Parliamo di fuoriclasse assoluti, di Palloni d'Oro. Michel era davvero fantastico, unico nel suo genere: in campo vedeva giocate che io dalla panchina nemmeno immaginavo", le parole del Trap.

"CR7 vecchio? Non scherziamo. Champions? Con il portoghese ha più forza"

"Cristiano Ronaldo vecchio? Non scherziamo. Vecchio è chi nel tempo perde certe qualità, chi magari non ha più un buon udito. Il Cristiano Ronaldo dell'ultima stagione con il Real Madrid e quello del Mondiale col Portogallo ha mostrato strapotere atletico e poi mi sembra che abbia ancora una bella mira: è uno che tira in porta. E segna tanti gol. Può rivelarsi una pedina fondamentale e una freccia in più nell’arco di Allegri", ha proseguito Trapattoni. "Consigli a CR7 per integrarsi al meglio nel mondo bianconero? Non ne ha bisogno. Lui è un campione integro, ha un gran fisico, è determinato e mi sembra anche molto motivato. Cristiano interpreta da sempre il calcio e la professione con lo stile della Juventus". E, secondo molti, con l'arrivo del portoghese i bianconeri sono i favoriti per la Champions: "In partenza non bisogna mai dirlo, anche perché si tratta di una competizione difficile, imprevedibile. E sono in corsa pure squadroni inglesi, tedeschi e spagnoli altrettanto ambiziosi. La Juventus negli ultimi anni è già arrivata due volte in finale e con un Ronaldo in più ha sicuramente maggiore forza e più possibilità di arrivare in fondo e soddisfare la richiesta dei tifosi", ha concluso Trapattoni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche