user
08 agosto 2018

Vieri: "Serie A di nuovo al top, la Juve con Ronaldo ha vinto al Superenalotto. Higuain? Colpo enorme"

print-icon
vie

L'ex giocatore di Milan e Inter ha fatto il punto sulla nuova serie A, soffermandosi sul potenziale della Juventus e sulla griglia delle inseguitrici: "Bianconeri ancora avanti con Ronaldo, tra le altre vedo bene l'Inter"

BOBO SUMMER CUP, LE PAROLE DI RONALDO

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Passione ed entusiasmo, sorrisi e divertimento. Tutti ingredienti della Bobo Summer Cup, evento che Christian Vieri ha creato di sana pianta per esprimere in maniera più concreta la sua passione per il footvolley. Nell'ultima tappa di Civitanova Marche, sulla sabbia della Shada Arena, si è esibito nientemeno che il Fenomeno Ronaldo, una goduria per gli occhi di tutti gli appassionati: "Ronie è un amico, ama l’Inter, ama il nostro Paese - dice Vieri ai microfoni della Gazzetta dello Sport - ancora una volta ha dimostrato tutta la sua sensibilità". Dalla sabbia all’erba, Vieri si sofferma poi sul campionato italiano e sull’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus: "Un colpo incredibile, i bianconeri hanno preso il top dei top, non ci sono parole. Solo il fatto che Cristiano abbia accettato di venire in Italia fa capire quanto grande sia la Juventus. E per il nostro calcio in generale è stato come vincere al Superenalotto. Sarà più bello da oggi vedere e commentare la Serie A. Tutto il mondo ricomincerà a guardare il nostro campionato, e questo è merito di Cristiano Ronaldo e della Juventus".

La lotta scudetto

Vieri poi si sofferma sulle inseguitrici della Juve, partendo dall'Inter: "La vedo bene, Luciano Spalletti è un grande, mi piace perché ha sempre il controllo delle sue squadre, dello spogliatoio. L'Inter sta diventando un grande gruppo e ha fatto un buon mercato, il mercato che serve, mosse intelligenti, adatte al pensiero del suo tecnico. E qualcosa arriverà ancora, ne sono certo. I nerazzurri devono stare tutti gli anni in Champions League, non ci sono storie o alternative. La Roma? Ha fatto acquisti oculati, Kluivert va a duemila, ha qualità e ci farà divertire. Dico bravo a Monchi. Per quanto riguarda il MilanHiguain è un gran colpo. I rossoneri avevano bisogno di un attaccante già pronto. Acquisto enorme. C’è poi molta gioventù in rosa, la difesa è praticamente tutta italiana e ha grandi prospettive. Bisogna tornare alla svelta a certi livelli, c’è bisogno di avere nuovamente i rossoneri fra le grandi, e non solo a livello nazionale. Sarà un campionato molto divertente, e in particolare si annuncia furibonda la battaglia per la zona Champions".

Juve da Champions

Se la squadra di Allegri è favorita per lo scudetto, secondo Vieri è d’obbligo anche l’assalto alla Champions: "Sulla carta analizzi la rosa della Juventus e pensi che sia imbattibile qui da noi. Ci sono 24-25 titolari, Allegri potrebbe schierare una formazione da scudetto e un'altra da zona Champions. La verità è che in giro per il mondo secondo me sono appena tre le squadre che possono vantare una rosa migliore o uguale a quella della Juve: Real, Barcellona e Bayern Monaco. La Champions si può perdere per un minimo dettaglio, ma la Juve oggi sia lassù, attrezzata per vedersela con chiunque, per spaventare chiunque. La Juve è un gruppo eccezionale, bravo Allegri a tenere tutti sulla corda, è questa la forza del club, da sempre. E Ronaldo, vedrete, sarà parte di questo collettivo. Arriva un giocatore fantastico, un professionista serio, un maniaco dell’allenamento a completare una rosa già pazzesca... Non si vincono sette scudetti di fila se non si è un gruppo solido sotto i vari punti di vista".

"Assurdo Italia fuori dai Mondiali"

Infine, Vieri si sofferma sul capitolo Nazionale, partendo dalla mancata qualificazione degli azzurri ai Mondiali di Russia 2018 vinti poi dalla Francia: "Assurdo non essere andati al Mondiale. Nell’immaginario di chiunque sono tre le squadre che caratterizzano il torneo più bello in assoluto. Vedi una maglia bianca con un po’ di nero e pensi alla Germania, il giallo ti porta subito a Pelé, al Brasile, e l’azzurro è l’Italia: sono queste le tre maglie più riconoscibili nel mondo. Poi viene il resto. Andrebbero pesate bene certe responsabilità, e i colpevoli dovrebbero dare le dimissioni, scappare, ad ogni livello".

Serie A 2018-2019

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi