Frosinone, Longo: "Ci servirà del tempo per rodarci: ci sono troppi nuovi arrivi"

Serie A

L’allenatore del Frosinone ha analizzato la sconfitta con l’Atalanta nel post partita di Sky Sport: “Abbiamo affrontato una squadra che ha già quattro partite internazionali giocate e un gruppo solido. La salvezza è un obiettivo alla portata”

ATALANTA-FROSINONE 4-0

GASPERINI: "GOMEZ È IL NOSTRO CR7"

Una squadra ancora tutta da rodare: Moreno Longo chiede tempo, quando analizza la sfida tra il Frosinone e l’Atalanta, che ha visto i giallazzurri sconfitti col punteggio di 4-0. “Abbiamo cambiato troppo, c’erano 16 giocatori nuovi, nell’undici titolare c’erano sette acquisti e sono anche giocatori arrivati con tempistiche differenti, qualcuno anche all’ultimo giorno di mercato. Me ne eravamo consapevoli, i playoff di Serie B sono finiti tardi e quindi il tempo era poco” ha spiegato l’allenatore. Situazione totalmente opposta, invece, per gli avversari: “Oggi incontravamo una squadra che quanto a rodaggio era il peggior avversario, perché ha già tanta esperienza e quattro gare internazionali alle spalle. Era un test probante che sapevamo che poteva metterci in difficoltà. Ora ci serve tempo e dobbiamo lavorare, in modo che questo gruppo possa diventare una squadra. Speriamo di farlo il prima possibile, ora pensiamo già a dopo la sosta cercando di essere più avanti di quanto siamo oggi”.

L’analisi della partita

“Di questa sera salvo che finché siamo stati in partita siamo riusciti a tenere i ritmi alti dell’Atalanta, si iniziava a vedere sulle catene esterne si è visto che c’era qualche idea per non far giocare i loro esterni. Tre dei quattro gol dell’Atalanta sono derivati da nostre palle perse. L’Atalanta non ci ha fatto fare molto di quello che avremmo voluto, per noi è stato difficile essere puliti a livello tecnico, strada facendo sapevamo che poteva peggiorare” ha osservato Longo. L’inizio non è stato dei migliori, ma per l’allenatore la salvezza è un obiettivo alla portata: “Pensiamo di aver attrezzato un gruppo che sia da salvezza, ne siamo convinti: giocatori come Hallfredsson, Molinaro, Sportiello magari potranno non bastare perché il calcio è fatto di squadra e in questo senso dobbiamo lavorare per trovare la nostra identità che ora per questioni di tempo non può esserci ancora”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche