Skriniar si racconta: "L'Inter è il top, San Siro toglie il fiato. Ronaldo il mio idolo, vado matto per le trofie"

Serie A

Nuovamente a disposizione di Spalletti per il match di campionato contro il Torino, il difensore slovacco – out nell’esordio contro il Sassuolo – si è raccontato prima della sfida contro i granata: "L’Inter per me significa tanto, è quello che sognavo da bambino. Ronaldo il Fenomeno il mio idolo, ascolto J-AX e vado matto per le trofie al pesto"

INTER-TORINO: LA PARTITA

SPALLETTI: "DOPO SASSUOLO INTER ANTI-NESSUNO"

A guidare la difesa dell’Inter nella seconda giornata di campionato ci sarà nuovamente lui, Milan Skriniar. Mai assente nella passata stagione, il difensore slovacco ha dovuto dare forfait a causa di un problema fisico nel match d’esordio dei nerazzurri, sconfitti al Mapei Stadium dal Sassuolo. Allarme rientrato, contro il Torino di Mazzarri - domenica 26 agosto alle 20:30 - San Siro potrà nuovamente gridare il nome di Skriniar. E proprio l’emozione legata allo stadio Meazza è stato uno dei temi affrontati dal difensore classe ’95, che si è raccontato nel corso di una lunga intervista per il Matchday Programme distribuito dal club nerazzurro. "San Siro è uno stadio che ti lascia senza fiato – ha esordito Skriniar -, ti dà una sensazione unica. Ricordo la prima volta che sono arrivato qui da avversario, non ho resistito. Ho provato la sensazione di essere entrato in uno stadio fantastico e ho iniziato a scattare dei selfie". 

Il valore dell’Inter e Ronaldo il Fenomeno

Skriniar ha poi parlato dell’importanza rappresentata dai colori nerazzurri e ha svelato chi era il suo idolo da bambino. "Per me l’Inter significa tanto. Quando ero un bambino sognavo di giocare in una grande squadra – ha ricordato il difensore -, indossare questi colori hanno fatto sì che il mio desiderio potesse essere realizzato e lo hanno amplificato per mille. Adesso sono in un top club ed essere riusciti a tornare in Champions League è fantastico per me e per i tifosi. Il mio idolo? Quando ho iniziato a giocare facevo l’attaccante e il mio idolo era Ronaldo il Fenonomeno, quello interista. La prima partita che ho visto è stata una gara della Nazionale, Slovacchia-Repubblica Ceca se non erro. Ricordo perfettamente l’atmosfera, il calcio dei grandi era a due passi da me, una sensazione difficile da spiegare".

La vita fuori dal campo: J-AX e le trofie al pesto

In chiusura Skriniar ha parlato di alcuni lati della sua vita privata, a partire dal genere di musica preferito: "Ascolto principalmente musica slovacca – ha concluso il difensore -, ma mi piacciono anche J-AX, Fedez e Sfera Ebbasta. Hanno ritmo e quando serve mi danno la carica. Il mio cibo preferito? Vado matto per le trofie al pesto, è il piatto italiano che apprezzo di più per distacco. Poi mi piacciono tanto anche gli halusky, un tipo di cibo delle mie parti".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche