Juve, Bonucci chiede scusa alla curva. Il video

Serie A

Nel corso di Juve-Lazio Bonucci è stato fischiato dalla curva e sostenuto dal resto dello stadio. Al termine della partita, però, quando i giocatori hanno salutato la curva, il numero 19 ha mimato un gesto di scuse che è stato apprezzato con un boato che sa di perdono

JUVE, IDEA SECONDO STADIO PER LE SQUADRE MINORI

JUVE, PANCHINA DELUXE: IL CONFRONTO CON LE BIG D'EUROPA

CR7, ALTRA DOMENICA IN PALESTRA

Juve-Lazio, esordio casalingo di Cristiano Ronaldo, è stato anche il match del ritorno allo Stadium di Leonardo Bonucci. Conclusa la breve esperienza da capitano del Milan, il numero 19 è tornato a rivestire la maglia bianconera consapevole del fatto che ci sarebbe voluto del tempo per riconquistare i propri tifosi. Al debutto stagionale, contro il Chievo, una sua inzuccata aveva mandato in autogol Bani: la rete del momentaneo pareggio, celebrata con il classico gesto del dito che si indica la faccia con le guance piene, non viene attribuita a lui perché l'ultimo tocco è appunto del difensore avversario. Forse un gol "tutto suo" lo avrebbe aiutato a velocizzare l'iter di riconciliazione con la tifoseria ancora segnata dal suo "tradimento". In ogni caso, non poteva essere la prova del Bentegodi a fare testo. Per chi si chiedesse come avrebbe reagito lo Stadium serviva aspettare l'appuntamento di sabato. E già dal riscaldamento, contro la Lazio, si era intuita l'accoglienza: la curva ha fischiato ogni tocco di palla di Bonucci nel pre-partita, facendogli capire di non essere stato ancora perdonato. Anche nel corso della partita, Leonardo è fischiato dalla curva ma applaudito dal resto dello stadio. Qualcosa cambia dopo il triplice fischio. Può aver contribuito il risultato positivo ottenuto contro un avversario che nella scorsa stagione, proprio allo Stadium, aveva vinto interrompendo una lunghissima striscia di vittorie consecutive. Fatto sta che - a fine partita - quando si compie la classica corsa dei giocatori verso la curva, Bonucci alza le mani e poi le congiunge. Un gesto spontaneo quasi di riconoscenza, perché a Leonardo si aspettava un'accoglienza più severa. E se il gesto delle mani alzate poteva essere frainteso e interpretato come un applauso, le mani congiunte sono inequivocabilmente un gesto di scuse. A quel punto si sente il boato della curva. La frattura va verso la rimarginazione.

L'iniziativa per Genova sui social

Nel primo pomeriggio di questo lunedì, Leonardo Bonucci ha pubblicato sul proprio profilo Instagram una foto che lo ritrae con la maglietta indossata da tutti i giocatori di Serie A prima delle gare del weekend: con l'hashtag #VisitGenova, Bonucci ha voluto sostenere la causa manifestando la sua vicinanza alle vittime della tragedia che ha colpito il capoluogo ligure lo scorso 14 agosto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche