Milan-Roma, Di Francesco: "Abbiamo regalato un tempo. Il sistema di gioco? Ho sbagliato le scelte"

Serie A

Sconfitta che brucia per la Roma di Di Francesco, beffata al 94' a San Siro da un gol di Cutrone. L'allenatore giallorosso ha commentato così il match: "Abbiamo regalato un tempo al Milan, ultimamente partitamo sempre in ritardo. Lo schieramento iniziale? Le mie scelte non hanno dato i frutti sperati"

BOLOGNA-INTER LIVE

MILAN-ROMA 2-1, GOL E HIGHLIGHTS

MILAN-ROMA: LE FOTO PIU' BELLE

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 3^ GIORNATA

Stop Roma a San Siro, una sconfitta che brucia e che arriva allo scadere grazie al gol firmato Cutrone. Dopo un primo tempo anonimo e chiuso in svantaggio, Di Francesco ha risistemato la squadra nella ripresa: una volta ottenuto il pareggio con Fazio, però, i giallorossi non sono riusciti a completare la rimonta e complice un errore hanno perso la partita. Di Francesco ha commentato così a Sky Sport: "Abbiamo regalato un tempo al Milan, ultimamente lo facciamo spesso. Nel secondo tempo la squadra è cresciuta. Peccato per l’ultimo gol, è stata un'ingenuità. È mancata lucidità, freschezza mentale". Di Francesco spiega anche la scelta di partire con una difesa a 3: "L'ho fatto per dare un po' di sicurezza in più, ma è stata una scelta che non ha dato i suoi frutti. Volevo togliere anche il palleggio al Milan, ma non ho avuto le risposte che mi aspettavo. Le scelte si indovinano o si sbagliano, in questo caso le ho sbagliate".

"Poco lucidi fisicamente e mentalmente. Dzeko..."

L'allenatore giallorosso vuole ripartire da una ritrovata solidità difensiva, l'elemento che ancora non ha ritrovato in questa nuova Roma: "La cosa che si evince da queste gare è che non siamo più compatti nella fase difensiva, anche con gli stessi calciatori dell’anno scorso. Abbiamo preso troppi gol, sbagliamo troppe scelte, dobbiamo curare con attenzione i particolari, perché in partita dimostriamo poca lucidità". La squadra è apparsa anche lenta e compassata in avanti, Di Francesco spiega così: "In questo momento non abbiamo freschezza sia fisica che mentale, nel primo tempo abbiamo attaccato poco la profondità. Nel secondo tempo abbiamo trovato manovre più consone e abituali, ma pur avendo Dzeko e Schick in attacco abbiamo crossato pochissimo sfruttando poco l'ampiezza. Loro due hanno funzionato meglio quando siamo passati a 3, ma dipende anche dall'apporto degli altri. Dzeko nervoso? L'ho visto anch'io sbuffare, gli sono arrivati pochi palloni, ma non è stato niente di plateale".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche