Napoli, Ancelotti: "Insigne è stato il migliore in campo. Malati dopo Genova? No, solo un raffreddore"

Serie A

L'allenatore del Napoli commenta il successo per 1-0 sulla Fiorentina, firmato Insigne: "L'ho schierato in una posizione diversa dal solito. Questo sistema l'abbiamo provato solo per 20 minuti, sono soddisfatto: abbiamo fatto la partita che volevamo. La formazione? Difficile farla lasciando fuori qualcuno"

IL NAPOLI SI RIALZA COL "NUOVO" INSIGNE: FIORENTINA KO

SERIE A, CLASSIFICA E RISULTATI

Il Napoli rialza la testa, e dopo il pesante ko di Genova contro la Samp, torna alla vittoria in campionato. Lo fa al San Paolo contro un avversario difficile come la Fiorentina, e grazie al gol partita di Lorenzo Insigne schierato in una nuova posizione da Carlo Ancelotti. L'allenatore azzurro, soddisfatto, ha commentato il match a Sky Sport: "Abbiamo fatto la partita che volevamo, anche se non a ritmi alti e ad un livello eccezionale: sin da subito abbiamo messo in campo l'idea di mettere i giocatori tra le linee, anche se abbiamo verticalizzato poco nella prima parte: meglio nel secondo tempo. Abbiamo cercato l'ampiezza con Mario Rui a sinistra e Callejon a destra, sfruttando Insigne e Zielinski in mezzo alle linee. Ci è mancata un po' di profondità, e in parte l'equilibrio: ma è normale, siamo all'inizio di questa stagione e il nuovo sistema l'abbiamo provato soltanto per venti minuti, non per venti giorni".

"Un Insigne in forma può essere solo un vantaggio"

"Non eravamo malati dopo Genova - ha proseguito Ancelotti - ma abbiamo preso un piccolo raffreddore. Dobbiamo stare attenti, perché può tornare". Poi l'analisi si sposta sui singoli: "Il bacio a Insigne mentre usciva dal campo? Lorenzo ha fatto molto bene, veniva da un periodo in cui non riusciva a dimostrare le proprie qualità. Oggi ha giocato in una posizione leggermente diversa dal solito, ma mi è piaciuto tantissimo: è stato il migliore e questo è positivo. Averlo in ottime condizioni è un vantaggio per noi". Da Insigne a Zielinski: "Lui il nostro De Bruyne? Piotr è un ottimo giocatore tra le linee, per arrivare a quel livello deve crescere ma sono molto soddisfatto. Il livello qualitativo della squadra è alto, cerco di ruotarli perché tanti stanno fuori ma meriterebbero di giocare. Fabian Ruiz, Rog, Maksimovic stesso che oggi ha fatto una gran partita. Fare la formazione è abbastanza complicato". Testa alla Champions, adesso: "Ritornare sarà piacevole, entusiasmante ed eccitante. Il girone è difficile, cerchiamo di cominciarlo bene".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche