user
01 ottobre 2018

Otto gol in 6 partite, Piatek da record: solo Pascutti uguale a lui

print-icon

L'attaccante del Genoa è il primo giocatore dopo Pascutti ad andare a segno in tutte le sue prime 6 giornate di campionato, senza concedersi pause. Lui, però, è riuscito nell'impresa da esordiente assoluto in Serie A

I RISULTATI DELLA 7.A GIORNATA: GOL E HIGHLIGHTS

Non hai Sky? Guarda lo Sport live su NOW TV!

Avremo anche imparato la giusta pronuncia del suo nome, di sicuro nessuno ha ancora capito come fermarlo. Krzysztof Piatek (e il problema sarebbe il cognome?) è senza dubbio la rivelazione di questo inizio di campionato e sta trascinando il Genoa a suon di gol. Otto, per la precisione, nelle prime 6 partite, record non nuovo al campionato italiano, ma che si è verificato solo due volte nei termini in cui l’ha raggiunto il polacco. Solo lui e il rossoblu (ma del Bologna) Pascutti nella stagione 1962/63, infatti, sono stati capaci di raggiungere quota 8 andando a segno in tutte le prime 6 giornate, senza “pause”.

Solo nella passata stagione, per dire, sia Immobile che Dybala alla sesta di campionato erano già a quota 8 gol (addirittura 10 lo juventino), ma entrambi si erano concessi un turno senza reti, il primo mancando l’appuntamento col gol alla prima e alla quinta giornata, l’altro “bucando” alla quinta contro la Fiorentina (1-0, Mandzukic) e rimediando con le due triplette a Genoa e Sassuolo e la “doppia” contro il Torino. Piatek no: lui procede con costanza e regolarità, timbrando ogni settimana. Con la prima contro il Milan rinviata dopo il disastro del ponte Morandi a Genova, ha fatto il suo esordio alla seconda giornata, con gol all’Empoli dopo 6’ di Serie A, poi doppietta al Sassuolo (nella sconfitta per 5-3), gol a Bologna, Lazio e Chievo, nuova doppietta al Frosinone. Il tutto dopo aver assaggiato il nostro calcio in Coppa Italia, 4 gol al Lecce giusto per fare le presentazioni. Insomma, Piatek in Italia ha giocato finora 7 partite in tutto, mostrando la sua esultanza da pistolero in ognuna di queste, per un totale di 12 reti.

Ecco cosa fa la differenza con i casi precedenti (oltre ai già citati Immobile e Dybala, anche Di Natale nel 2009/2010, Batistuta nel 98/99, Signori nel 92/93, tutti a quota 8 dopo 6 giornate, ma bucandone sempre una) e cosa lo accomuna a Pascutti. Andando ancora più indietro nel tempo, segnarono molto dopo 6 giornate anche Angelillo dell’Inter nel 1958 (addirittura 13), l’altro nerazzurro Lorenzi e il milanista Nordhal nel ’50 (rispettivamente 8 e 9 gol), o ancora il viola Galassi, Amadei della Roma e il laziale Piola, ma nessuno di loro completando la serie. E i record non si fermano qui: è dai tempi di Karl Aage Hansen (Atalanta 1949/50), infatti, che un esordiente in Serie A non segnava 8 gol nelle sue prime 6 gare. E, prima di Piatek, l’ultimo a segnare in almeno sei partite di Serie A consecutive era stato Higuain (2016/17, Juventus), ma non nelle prime 6. Se queste sono le premesse…

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi