Juventus, Chiellini: "Ho studiato per costruirmi un futuro dopo il calcio"

Serie A
chiellini

Il difensore della Juventus spiega il suo percorso di studi: "È una cosa che non mi pesa, mi rilassa e mi aiuta a tenere la mente allenata, aiutandomi anche nel calcio. Oggi è più facile per i calciatori laurearsi, bisognerebbe incrementare le persone che giocano e studiano perché altrimenti si arriva a 35 anni senza sapere cosa fare. A 25 anni ti senti indistruttibile, ma proprio lì devi iniziare a costruirti il tuo futuro perché la carriera finisce presto"

JUVE-GENOA LIVE

TUTTI I CALCIATORI LAUREATI

Capitan Chiellini e... Dottor Chiellini! Nonostante gli impegni con la Juventus e con la Nazionale, il difensore 1984 è riuscito a completare gli studi conseguendo la laurea specialistica in Business administration, presso la Scuola di Management ed Economia dell'Università degli studi di Torino. Chiellini rappresenta il modello di calciatore-studente e ha raccontato la sua esperienza in una lunga intervista rilasciata a FIFPro: "Ricordo che quando ero piccolo, parlo della scuola elementare, capitava qualche volta che fingevo di non stare bene per non andare a scuola – ha raccontato il difensore bianconero - Mia mamma mi ha sempre risposto: 'Nessun problema, se non vai a scuola non vai neanche a calcio'. Ma alla fine stavo sempre bene, mi alzavo e andavo a scuola. Innanzitutto per me è un hobby, è un piacere: non mi pesava, mi teneva allenata la mente facendo altro. Quando poi mi sentivo stanco mi fermavo. Ma è una cosa che mi ha aiutato su tutto, anche nel calcio se non sei attivo mentalmente e lucido non arrivi a certi livelli. Lo studio mi ha aiutato nella vita e anche nello sport. Quando ero da solo o ero fidanzato, mi allenavo la mattina, tornavo a casa, mi riposavo e poi studiavo un paio d'ore nel pomeriggio. Poi, eventualmente, sotto esame mi portavo i libri anche in ritiro, mi aiutavano a staccare e a non pensare alle pressioni. Quando invece è nata mia figlia, ho studiato solo in ritiro, in viaggio e la sera prima delle partite. Ora è molto più semplice, ci sono corsi per studenti-lavoratori. Le università mettono delle lezioni telematiche online proprio per gli sportivi, l'Università di Torino mi ha permesso di completare i miei studi con la possibilità di corsi anche fuori orario in modo da avere tempo e modo di arrivare alla fine".

"A 25 anni ti senti invincibile, ma devi pensare già al dopo carriera"

In molti si chiedono: ma cosa spinge un calciatore che guadagno tanto a dedicarsi a una seconda attività come lo studio? "Non ho mai saltato un allenamento per andare a lezione, ma le nostre giornate sono lunghe, non lavoriamo 24 ore – prosegue - Quindi se uno vuole può tranquillamente dedicarsi a un'altra attività senza togliere neanche un minuto alla nostra professione e passione. Bisogna cercare d'incrementare le persone che studiano e arrivano alla laurea, perché la vita è lunga e sarà bellissima quando si finisce di giocare a calcio ma bisogna coltivarla prima, altrimenti si arriva a 35 anni non sapendo quel che si vuole fare. Non tutti possono restare nel mondo del calcio, poi c'è il rischio di depressione e tante persone hanno anche dei problemi economici. A me piacerebbe restare nel mondo del calcio, perché è la mia grande passione. Magari con qualche ruolo da scrivania e non di campo, ma devo imparare e non pensare che siccome ho giocato 15 anni nella Juventus e in Nazionale io sappia fare già tutto. Quando hai 25 anni ti sembra di essere indistruttibile e invincibile, ma in realtà devi già pensare al futuro perché a 35 anni la carriera finisce e c'è una vita davanti dove giocare a calcio non ti basta per vivere".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche