Napoli, Mertens scherza con Fabian Ruiz: "Quanto mi vuoi bene per l’assist"

Serie A

L’attaccante belga ha postato sui social una foto in cui sembra stia per scambiarsi un bacio con il centrocampista: i due ieri hanno confezionato il gol del momentaneo pareggio contro il Genoa. Il Napoli ha poi trovato la rete della vittoria nel finale

JURIC: "SCONFITTA CHE BRUCIA, FRENATI DAL CAMPO"

ANCELOTTI: "ORGOGLIOSO DEI MIEI RAGAZZI"

Prima della partita col Genoa, nella conferenza stampa di presentazione alla partita, Carlo Ancelotti aveva parlato della forza del gruppo, dell’armonia che regnava nel lavoro quotidiano del suo Napoli. Una squadra unita, sulla stessa lunghezza d’onda: una coesione che in certi aspetti conta di più della possibilità di avere una superstar in rosa. È ciò che si percepisce sia in campo che fuori, e una dimostrazione è la foto postata su Instagram da Dries Mertens, mentre fa finta di scambiarsi un bacio con Fabian Ruiz. “Fabian quanto mi vuoi bene per l’assist che ti ho fatto” ha scritto il belga in didascalia. I due calciatori, di fatto, hanno cambiato la partita con il loro ingresso in campo ieri sera: l’allenatore li ha scelti per sostituire all’intervallo Milik e Zielinski, apparsi sottotono a Marassi. E il gol del momentaneo pareggio degli azzurri è arrivato proprio con le loro giocate: la sponda su misura di Mertens, l’inserimento e la conclusione perfetti di Fabian Ruiz. La vittoria sul Genoa è poi arrivata grazie ad un autogol nel finale di partita, con il Napoli che quindi si mantiene in scia della Juventus in testa alla classifica.

Aspettative rispettate

L’acquisto di Fabian Ruiz, in estate, aveva fatto molto discutere. Avrebbe raccolto lui l’eredità lasciata da Jorginho, partito insieme a Maurizio Sarri alla volta di Londra per accasarsi al Chelsea. 30 milioni di euro secondo l’importo stabilito dalla clausola rescissoria, da versare al Real Betis. Giovane, tecnico, promettente: una prodezza nel ritiro di Dimaro aveva dato ottimi segnali in tal senso. Poi qualche perplessità iniziale, legata al ruolo che avrebbe potuto ricoprire in questo innovativo 4-4-2 voluto da Ancelotti: interno o esterno? Il tempo ha permesso di scoprire che può essere impiegato in entrambe le posizioni, il che lo rende un’arma importante a disposizione dell’allenatore. Il primo gol in competizioni ufficiali l’ha trovato lo scorso 20 ottobre, contro l’Udinese: anche in quel caso era partito dalla panchina, ma fu inserito dopo pochi minuti dall’inizio della partita per l’infortunio occorso a Simone Verdi. Un meraviglioso destro a giro aveva portato in vantaggio il Napoli subito dopo il suo ingresso. Stavolta con il suo piede preferito ha dato il via alla rimonta degli azzurri, in una situazione complessa.

Il momento del Napoli

Il successo è il modo migliore di congedarsi dal campionato e cominciare a guardare dopo la sosta. Al rientro, la squadra di Ancelotti è attesa dalle partite con Chievo e Stella Rossa. Sarà un momento delicato, per il Napoli, che dovrà mantenere un ritmo alto in campionato ma soprattutto dovrà conquistare la qualificazione agli ottavi di finale in Champions League. 

I più letti