Pellissier e il figlio raccontano l'abbraccio dopo il gol in Chievo-Lazio. VIDEO

Serie A

Pellissier ha raggiunto quota 110 gol in A con la maglia del Chievo e dopo aver segnato contro la Lazio ha stretto forte il figlio Matteo, raccattapalle speciale a bordocampo. "Papà, come hai fatto a segnare così tanti gol?". E l'attaccante: "È il mio mestiere, mai arrendersi. Anche il Chievo non mollerà mai". E su Ventura…

CHIEVO-LAZIO 1-1: GOL E HIGHLIGHTS

PELLISSIER DURO CON VENTURA SUI SOCIAL

“Io voglio vedere giocare te, papà, non voglio vedere gli altri” - dice il piccolo Matteo, che con Sergio ha regalato la più bella istantanea dell’ultima giornata di campionato. Il tiro, il gol e l’abbraccio a bordocampo col raccattapalle speciale, semplicemente il figlio. Perché per Pellissier, e famiglia, il Chievo e Verona sono casa, dal 2002 ad oggi: più di cinquecento partite e ora anche 110 gol in Serie A, con lode, visto il pari strappato alla Lazio dopo quello al Napoli. Una dichiarazione d’intenti firmata dal suo capitano e poi ripetuta anche ai microfoni di Sky Sport, accanto a Matteo e come insegnamento di vita: “Noi non ci arrendiamo, il Chievo non è finito solo perché non arrivano i risultati, non molleremo mai”. Ancor di più ora che il più grande tifoso di papà Sergio è a bordocampo e lo vede far gol: “Non te lo aspettavi che ti avrei chiamato?” - chiede lui, e Pellissier Jr. risponde, un po’ timido: “Non pensavo avessi segnato tu, credevo fosse Meggiorini”. E invece… era proprio papà, che se lo tiene stretto dopo il destro a battere Strakosha in uscita. Secondo gol in stagione dopo quello al Milan e numero 151 in una carriera da goleador: “Papà, come hai fatto a farne così tanti?”. Semplice: “Mi sono impegnato tanto, allenato tanto, e ho sempre avuto tanta voglia di segnare. Il mio ruolo e la mia professione mi porta a dover fare tante reti - vedi Matteo, dice il papà con lo sguardo - se non faccio gol non gioco, quindi devo assolutamente segnare”.

Quanti sono?

Poi le reti, anche quelle del passato in A, numero che Sergio non ricorda ma a cui pensa, fedelmente, Matteo: “Sono 110 in Serie A… e uno in B!”. Pellissier senior sorride e precisa che “forse sono un po’ di più in B (22, ndr), ma l’importante è dare sempre il massimo. Smettere? Sì, ci ho pensato - confessa al figlio che lo guarda sempre meno intimidito dall’occhio della telecamera che li riprende -. Quando ti impegni tanto ma capisci di essere l’ultimo a ricevere fiducia allora ti fai delle domande. Ma alla fine è sempre stato il mio orgoglio che ha vinto su tutto il resto. Non ho mollato, non mollerò mai e vorrò continuare a dimostrare il mio valore. A tutti quelli che dicono che sono vecchio, che non dovrei più giocare, che dovrei lasciare posto agli altri? Dico che non saranno loro a decidere, ma lasciare il calcio sarà solo una scelta mia”.

Ventura e la retrocessione

Le immagini del loro abbraccio, e dei loro abbracci, continuano così in sottofondo, mentre A te di Jovanotti trasforma quel gesto ancora di più in poesia. Perché Sergio Pellissier è papà di Matteo ma anche di tutto il suo Chievo. Capitano e uomo squadra, come in quel lungo messaggio social dopo l’addio di Ventura, a proteggere tutto e tutti: “Una scelta sua, e che va rispettata, vero, ma quello che non doveva fare era rovinare l’ambiente. In quel momento mi sentivo in dovere di dire qualcosa, alla squadra, ai tifosi e alla società. Il Chievo non è mai finito e non molleremo. Retrocederemo? Pazienza, ma lo faremo come Chievo, tutti uniti”. E poi? Un altro abbraccio. Stretto stretto con Matteo come al Bentegodi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche