Squinzi: "Allegri fra i primi cinque al mondo. Una finale di Champions contro Di Francesco sarebbe bellissima"

Serie A

Il patron del club neroverde parla dei suoi due pupilli, entrambi passati dalla panchina del Sassuolo e ora prossimi avversari in Juventus-Roma: “Allegri adesso è fra i migliori cinque al mondo. Spesso mi dice che noi siamo stati la sua fortuna. Di Francesco? Con lui la squadra andava in gol con grande facilità”

SERIE A, LA DIRETTA GOL DELLA 17^ GIORNATA

Il suo Sassuolo è tornato alla vittoria sul campo del Frosinone. Lo ha fatto dopo quattro partite senza successo, condite da tre pareggi e dalla sconfitta di Parma. Risultati che, tuttavia, non hanno abbattuto le speranze europee della squadra di De Zerbi, ottava in classifica e con 24 punti all’attivo proprio come l’Atalanta sesta. Insomma, il patron Squinzi dovrà soffrire di qui fino alla fine dell’anno. Sperando, magari, di esultare. Proprio come ha fatto quando sulla panchina neroverde sedevano Massimiliano Allegri ed Eusebio Di Francesco. Il primo dal 2007 al 2008, il secondo dal 2012 al 2017. Sabato i due si ritroveranno l’uno contro l’altro in Juventus-Roma: “Sono due eccellenti allenatori” Ha ribadito Squinzi ai microfoni di Sky Sport. Il ricordo è positivo, dunque. Perché le vittorie, dopotutto, non si dimenticano mai.

“Max fra i primi cinque al mondo. Come attaccava il Sassuolo di Eusebio…”

“Allegri con noi è rimasto solo un anno, portandoci dalla C1 alla B – ha continuato il patron del Sassuolo – Di Francesco, invece, è rimasto molto di più, portandoci in A e accompagnandoci nei primi quattro anni in questa categoria. Sono due ottimi allenatori, sicuramente”. Poi il discorso cade sull’attuale tecnico bianconero, che anche in questa stagione si sta divertendo a riscrivere paginate di record: “Max è fra i migliori cinque al mondo. Scherzando ci disse che noi abbiamo fatto la sua fortuna. In B, infatti, lui ricevette un’offerta dal Cagliari e io lo lasciai libero di andare. Poi lui è stato esonerato dal Milan dopo una sconfitta proprio contro la Juventus. Di lì la chiamata della Juve. E’ sempre lo stesso, riuscire a tenere compatta e tranquilla la squadra anche nei momenti difficili è una capacità che ha sempre avuto”. Sta passando un periodo un po’ più complicato Eusebio Di Francesco che, dopo aver raggiunto la semifinale di Champions nella passata stagione, per il momento non sta riuscendo a trovare la giusta continuità. Ma, anche in questo caso, Squinzi ha solo parole di elogio: “Con Eusebio la squadra aveva una notevole facilità di andare in gol. La conquista dell’Europa fu un grosso traguardo e anche la salvezza ottenuta nel primo anno di A. Ad un certo punto lo abbiamo esonerato e poi richiamato in quella stagione”. In chiusura un augurio simile ad entrambi: “Ad Allegri dico di andare avanti così. L’obiettivo, cioè la Champions, è ancora lontano, quindi auguri. Anche per Eusebio l’obiettivo potrebbe essere quello di andare il più avanti possibile in coppa. Una finale Juve-Roma sarebbe bellissima”.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche