Lazio, scontri tra ultras e polizia alla festa per i 119 anni: un arresto e tre feriti

Serie A

Scontri tra un gruppo di ultras e le forze dell'ordine nel corso delle celebrazioni per il 119° anniversario della Lazio. Un arresto e tre feriti. Bilancio provvisorio di un arresto e tre denunciati. Il presidente Lotito: "Pseudo-tifosi, ne risponderanno". Indaga la Procura di Roma

IL RICORDO DELLA LAZIO DA SCUDETTO

Violenza privata, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Sono le ipotesi di reato della Procura di Roma in relazione agli scontri avvenuti nella notte tra martedì e mercoledì tra un gruppo di ultras della Lazio e le forze dell'ordine nel corso della festa per il 119° compleanno del club biancoceleste. Il bilancio, riferisce l’Ansa è al momento di un arresto e tre tifosi denunciati. Si tratterebbe di appartenenti alle frange ultras: nei loro confronti saranno emessi provvedimenti di Daspo. Otto i poliziotti feriti con una prognosi dai 4 ai 20 giorni. Le indagini proseguono: è in corso la visione delle immagini girate dalla polizia scientifica per individuare ulteriori responsabili.

Scontri, Lotito: "Pseudo-tifosi, ne risponderanno"

A margine di un’iniziativa organizzata dalla Lazio presso il "Collegio San Giuseppe - Istituto De Merodé", il presidente della Lazio Claudio Lotito ha parlato degli episodi di violenza: "Io rispondo dei comportamenti della società, non dei singoli comportamenti di pseudo-tifosi. Come ha detto il ministro Salvini la responsabilità è personale. Per me i tifosi sono quelli che partecipano in modo appassionato alla vita della squadra del cuore nel rispetto delle regole, tutto gli altri fanno delle scelte diverse e ne risponderanno. Chi tifa lo deve fare nel rispetto delle regole, e noi cerchiamo di adottare comportamenti che sono all'insegna dei valori fondanti della società civile".

Il sottosegretario Giorgetti: "Gli arrestati finiscano in galera"

A margine di un intervento al Miur il sottosegretario Giancarlo Giorgetti ha parlato degli scontri: "Sarà il caso che gli arrestati finiscano giustamente in galera".

La festa in piazza della Libertà

Prima degli scontri i tifosi della Lazio si erano dati appuntamento a piazza della Libertà a Roma, per festeggiare il 119° anniversario del club biancoceleste, fondato il 9 gennaio del 1900. Per questo dalle 23 del giorno 8 i primi sostenitori hanno cominciano a prendere posizione nella piazza preparando gli striscioni. Alla fine si sono potuti contare circa 2000 tifosi, che hanno celebrato la ricorrenza. Quest’anno però l’evento è stato caratterizzato dalla presenza a sorpresa di Claudio Lotito: il presidente è arrivato in macchina tra lo stupore generale, inizialmente senza uscire dalla vettura. Poi ha rilasciato anche alcune dichiarazioni. Dopo, la degenerazione gli scontri.

Gli auguri di Claudio Lotito

"Anche i tifosi devono essere uniti per poter raggiungere quello che noi ci siamo prefissati. Gli auguri che faccio alla Lazio è che riacquisti quel ruolo importante e trainante non solo nel sistema istituzionale sportivo ma anche sul campo attraverso i risultati che possono costituire una ulteriore forma di orgoglio e di appartenenza a questi colori” ha detto Lotito. Sul mercato, il presidente non ha lasciato trasparire nessun movimento: “Non si tratta di fare regali, ma di essere scientificamente razionali nel raggiungere certi obiettivi. La società non ha interesse ad essere indebolita o rafforzata in questo momento. Quello che sarà possibile fare sul mercato in relazione all'organico e ai possibili avvicendamenti che vi saranno, sarà fatto. Sono tra i promotori della proroga del calciomercato di gennaio per mettere nelle migliori condizioni le società di cedere e di acquistare”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport