Milan, Cutrone: "Vivo per il gol, non mi accontento mai. Gattuso è l'allenatore giusto"

Serie A
Patrick Cutrone (lapresse)

L'attaccante rossonero si racconta a La Repubblica: "Ho sempre voglia di sfondare, Gattuso mi dà gli stimoli giusti per dare sempre il 100%. Le doppiette? È perché non mi accontento mai". Sui suoi idoli: "Chiunque faccia gol, da Morata a Van Persie. Spero che Milan e Inter non lascino San Siro, è la storia"

MILAN-CAGLIARI LIVE

SERIE A LIVE, LE ULTIME NEWS

Tanti fatti, pochi proclami. Patrick Cutrone si è silenziosamente preso il Milan, a suon di gol e di prestazioni. Il giovane attaccante azzurro è una risorsa importante per Gattuso, anche ora che è arrivato Krzysztof Piatek. “Ho sempre voglia di sfondare - ha spiegato Cutrone in un’intervista a La Repubblica - Non voglio mai uscire dal campo pensando di non aver dato tutto. Gattuso sa darmi gli stimoli giusti: il Milan gioca bene. Allenarsi per migliorare è l’unico modo per convincerlo a farti giocare”. I gol in stagione sono arrivati prestissimo per il classe 1998: “In Cina (in tournée estiva nel 2017, ndr) iniziai a sperare di restare al Milan. Pensavo: Montella non mi conosce più di tanto, se riesco a farmi vedere bene, altrimenti parto, l’importante è giocare. Le doppiette? Hanno una spiegazione: non mi accontento mai”. E ancora: “Per me il pallone è tutto. Anche il gol di un compagno, un assist. Però solo se si vince. Io in area cerco la palla, a volte ci incontriamo…”.

"Mi ispiro a chiunque faccia gol. San Siro è storia"

Cutrone ha poi parlato dei suoi idoli: “Chiunque faccia tanti gol - ha precisato - Morata, Inzaghi, Van Persie, Suarez. Però anche Maldini. Una volta venne a prendere suo figlio Christian: gli tesi il foglietto per l’autografo, non riuscivo a parlare. Cosa mi emoziona di più? La mia famiglia, a loro darei il mondo e a loro dedico ogni gol”. Un’analisi, poi, sui giovani italiani: “Non tutti arrivano, magari qualcuno si sente appagato e si accontenta. Nessuno di quelli cresciuti con me (Chiesa, Barella, Zaniolo, ndr) si sente predestinato a vincere. Se le generazioni non cambiassero, finirebbero le nazionali. Certo, vogliamo vincere, è il nostro lavoro”. Battuta in chiusura su San Siro: “Spero che Milan e Inter non si spostino. Si respira la storia, è una sensazione indescrivibile fin dalla prima volta”, ha concluso Cutrone.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche