Inter e caso Mauro Icardi, Fabio Capello a Sky: "Mauro dovrebbe chiedere scusa"

Serie A

Al Club di Sky Sport, l'ex allenatore tra le altre di Milan, Juve e Real Madrid ha analizzato il caso Icardi: "Mauro dovrebbe chiedere scusa ai compagni, verrebbe perdonato. Spalletti? La situazione andava risolta nello spogliatoio. Hanno parlato tutti un po' troppo"

TUTTO SULL'INCONTRO FRA MAURO, WANDA E MAROTTA

INTER: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

Gli ultimi risultati negativi in campionato con il terzo posto perso a favore del Milan, ma soprattutto il caso Icardi a turbare l’ambiente nerazzurro. Momento delicato quello attraversato dall’Inter, con la situazione relativa all’ormai ex capitano che continua a tenere banco. "Io credo che Icardi dovrebbe andare nello spogliatoio, parlare con i compagni e chiedere scusa", è questo il pensiero espresso da Fabio Capello al Club di Sky Sport. "Tutti i giocatori, che conoscono l’importanza di Mauro per la squadra, capirebbero l’errore. Io credo che queste situazioni si possano sistemare, perché tutti hanno voglia di vincere e quindi è importante per tutti riavere nel gruppo un giocatore del genere", ha proseguito l’ex allenatore tra le altre di Milan e Juventus. "Se Icardi facesse un gesto del genere, allora verrebbe accettato e ammirato. Bisogna trovare il coraggio di dire 'ho sbagliato' e magari gli verrebbe restituita anche la fascia di capitano. Ammettere un proprio errore è un atto importante", ha aggiunto Capello.

"Hanno parlato tutti un po' troppo"

Ma come si è arrivati a questa situazione tra l’Inter e Icardi? Capello ha le idee abbastanza chiare in merito: "Si è arrivati a questo punto perché non c’è stata attenzione in quei momenti in cui è venuto a crearsi qualcosa che ha mandato in cancrena il rapporto fra il giocatore, l'allenatore e lo spogliatoio. Hanno parlato tutti un po' troppo. Io dopo che è stato fatto il comunicato ufficiale della società avrei detto: 'C'è il comunicato, verrà curato e rientrerà dopo l’infortunio'. Ma – prosegue Capello – precedentemente, nello spogliatoio,  qualcosa si è rotto perché l'impegno che ha dimostrato la squadra quando Mauro è rimasto fuori, è un impegno che non si vedeva precedentemente. Un allenatore, e l’intero staff, che ha il termometro dello spogliatoio deve capire questi momenti e non deve arrivare a questo punto".

"Spalletti-Icardi, la situazione andava risolta nello spogliatoio"

Sempre nel corso del Club, Capello ha poi parlato così della gestione del caso Icardi da parte dell’allenatore nerazzurro: "Spalletti non avrebbe dovuto dire certe cose ufficialmente, alla stampa. Ma, secondo me, avrebbe dovuo fare una riunione e provare a risolvere le cose che non vanno. Un allenatore capisce come va lo spogliatoio, cosa non funziona. A me è capitato di fare così quando allenavo il Real Madrid con Suker e Mijatovic che non passavano la palla a Raul: li ho chiamati nel mio ufficio, gli ho mostrato le immagini e gli ho detto che sarebbe successo nuovamente uno dei due sarebbe rimasto fuori. Da quel momento non è più successo nulla del genere". Capello ha poi aggiunto: "Un allenatore deve capire quando è il momento di intervenire per fare chiarezza e la squadra lo capisce. Intervento della società? Io come allenatore non faccio intervenire la società. Se lo faccio vuol dire che non ho la personalità per intervenire e sistemare la situazione".

Il caso John Terry: le verità di Capello

Capello ricorda poi un caso simile ai tempi in cui era Commissario tecnico dell'Inghilterra: "John Terry doveva essere giudicato per razzismo nei confronti del fratello di Rio Ferdinand. L'ultimo grado di giudizio era previsto per il 7 luglio, l’Europeo finiva il 5, due giorni prima. Io non volevo togliere la fascia di capitano a Terry, perché facendo in quel modo lo avremmo praticamente ritenuto colpevole e non pensavo fosse una cosa giusta", ha raccontato al Club. "In precedenza – ricorda l’ex Commissario tecnico dell’Inghilterra – era stato fatto un comunicato nel quale veniva annunciato che Terry non sarebbe più stato il capitano. Per contratto, però, la decisione relativa alla fascia di capitano spettava a me, che ero l’allenatore. Dissi così che sarei andato in conferenza a dire che non ero d’accordo e che il capitano per me sarebbe rimasto Terry. A quel punto – vista la situazione - ci siamo parlati, ci siamo messi d’accordo e ci siamo lasciati", ha concluso Fabio Capello.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport