Correa, l'uomo in più di Inzaghi: dal provino con l'Inter alla Lazio

Serie A

L'argentino è stato l'uomo partita del derby, decisivo e continuo. Nel 2012 fece un provino con i nerazzurri, Moratti offrì due milioni ma l'Estudiantes rifiutò. Poi la Sampdoria e due stagioni nel Siviglia, prima del ritorno in Italia per 20 milioni di euro. Adesso 'El Tucu' si è preso la Lazio 

LAZIO-ROMA 3-0: GOL E HIGHLIGHTS

INZAGHI: "GARE COSÌ RESTANO NELLA STORIA"

Inzaghi è pazzo di lui: “Correa hai i colpi del campione”.  Un attestato di stima. Il “Tucu” vive di fiammate, a volte diventano momenti grigi ma quand’è in forma non lo prendi, tant'è che Fazio e Juan Jesus l’hanno capito a spese loro. Tris della Lazio nel derby e Correa protagonista assist per Caicedo, rigore procurato, partita da 8. Man of the match.

Correa si è preso la Lazio

Inzaghi sorride e Tare si frega le mani, in estate l’ha pagato circa 20 milioni, l’acquisto più costoso dell’era Lotito insieme a Mauro Zarate. Un investimento mirato, cercato, voluto. Il “dopo Felipe Anderson” ormai si è preso la Lazio e l’ha fatto piano piano, in silenzio, partendo da riserva e approfittando delle chance di Simone Inzaghi.

Dopo l’espulsione contro l’Eintracht non è più uscito, adesso gioca titolare e la Lazio non può farne a meno: 31 partite tra Europa League e campionato, 5 gol e 7 assist. Rivelazione. Meglio del Correa visto alla Sampdoria, il 'ragazzo discontinuo’ dai guizzi isolati. Oggi è un altro giocatore, si trova bene e ha legato con tutti, specie con Luis Alberto e Patric. Gli spagnoli. C’è fiducia, soprattutto continuità, ciò che gli mancava per diventare grande.

Correa e Milinkovic festeggiano la vittoria nel derby con la Roma

Dal provino con l'Inter a Riquelme

Correa scoprì l’Italia a 18 anni grazie a un provino con l’Inter, anche se il primo impatto non fu facile: “Era la prima volta lontano da casa, ho fatto fatica ad ambientarmi”.

Famiglia, amici, l’Asado e infine sua nonna, emigrata da Vicenza quando la bussola nostrana era fissa sull’America, Nord e Sud. Forse alla fine era destino incontrare l'Italia. Correa ‘conosce’ il freddo di Appiano e ne resta sorpreso: “È stata una delle cose più difficili da superare”. Forse più di Walter Samuel, il Muro del Triplete, argentino come lui. 

Correa si presenta bene, impressiona Moratti e soprattutto Ariedo Braida, che lo definì “il miglior talento di tutta l’Argentina”. L’Inter offre 2 milioni per l’80% del suo cartellino, ma l’Estudiantes dice no. Erano convinti di aver trovato il nuovo Veron, sostituito proprio dal Tucu nella gara d’addio. Esordio in prima squadra a 17 anni, primo gol a 19. Fantasista sulle orme di Riquelme: “Ho indossato la 10 in suo onore, l’avrei guardato per ore senza stancarmi”. 64 presenze e 6 reti all’Estudiantes, prima dell’arrivo in Serie A.

Corra con Zanetti e Pereira, aveva 18 anni

Sampdoria calling, poi Siviglia

A 18 l’Inter, a 21 la Sampdoria. Valorizzato, capito, infine ripreso dopo 6 mesi opachi, in cui ha dovuto ambientarsi nuovamente. Dopo l’errore al Ferraris contro l’Inter - calcia fuori a porta vuota sulla linea - mette la testa a posto e capisce dove intervenire "Arrivo agli allenamenti un’ora prima, faccio palestra, cerco di prevenire gli infortuni”. Un homo novus.

Anche grazie al golf, al padel e al solito mate, uno scacciapensieri nei momenti di stress. A fine anno sposa il Siviglia per 13 milioni, l’ennesima plusvalenza del tandem Osti-Pecini (Correa arrivò per circa 8). L’anno scorso ha giocato 39 gare in tutte le competizioni, 7 reti e 7 assist. Ha trascinato il Siviglia in finale di Coppa siglando 5 gol in 8 partite, ha segnato sia al Liverpool in Champions che all’Atletico Madrid.  Il premio è stata la convocazione in Nazionale, tre presenze contro Brasile, Singapore e Uruguay. Qualità tucumana.

Correa ai tempi della Samp

Oro di Inzaghi e della Lazio

Anche falso nueve con Sampaoli - “allenatore preparato” – poi molte gare sulla fascia,  altre da “enganche”, il ruolo di oggi. Correa dietro le punte a spezzare la monotonia, a offrire un po’ di brio, a dare quel “quid’ che permette alla Lazio di credere alla Champions.

Inzaghi voleva un giocatore già pronto, bravo a spaccare le partite, un po’ come faceva Keita due anni fa, o Felipe Anderson l’anno scorso. Correa ha iniziato così, ma oggi è diventato titolare. Luis Alberto è arretrato a centrocampo per fare spazio a lui, l’enganche che odiava il freddo. Pronto a riprendersi tutto, in una Roma dove batte il sole. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport