Nainggolan: "Fossi rimasto a Roma con Monchi, ogni giorno sarebbe stata guerra mondiale"

Serie A

In un'intervista all'emittente belga HLN, la cui versione completa andrà in onda domenica, Radja Nainggolan torna a parlare dell'addio alla Roma, della sua stagione in nerazzurro fin qui contraddistinta da troppi problemi fisici e della nazionale belga: "Belgio capitolo chiuso. Ho avuto divergenze con Monchi. Gli infortuni? Frustranti"

MILAN-INTER LIVE

SPALLETTI: "NAINGGOLAN NON RECUPERA PER IL DERBY"

Sarà un derby senza Radja Nainggolan quello di domenica sera a San Siro. La conferma è arrivata anche da Luciano Spalletti in conferenza stampa: il centrocampista belga non recupera e non andrà nemmeno in panchina. Radja però fa comunque parlare di sé in queste ore per un’intervista concessa all’emittente belga HLN: il giocatore dell'Inter – come si intuisce dai primi spezzoni del reportage che andrà in onda domenica – si racconta come sempre senza filtri, a partire dalla stagione in corso e dai problemi fisici che l’hanno contraddistinta: "Devo imparare ad affrontare tutto questo, prima giocavo 50 partite all’anno senza infortunarmi, ora mi faccio male spesso. È frustrante, ma sto cercando dei piccoli accorgimenti: quando vado al ristorante porto il cibo che mi dicono di mangiare all’Inter, ho perso peso e ho smesso di fumare. Non è facile, ma ci riesco".

"Non potevo più restare a Roma con Monchi"

Poi Nainggolan torna sulle vicende che hanno portato alla sua cessione dalla Roma all’Inter la scorsa estate, con particolare riferimento ad un rapporto con Monchi che – ammette Nainggolan – era diventato ormai insostenibile: "Ho avuto divergenze con il direttore sportivo della Roma. Non si è comportato professionalmente nei miei confronti, un'ulteriore prova di quanto sia falso il mondo del calcio. Se mi avesse detto da uomo'vogliamo venderti', gli avrei risposto 'ok'. Invece cercava di vendermi a mia insaputa in Turchia… Lì capii che non potevo restare a Roma. Era o lui o me. Perché con la mia personalità, se fossi rimasto, avrei potuto scatenare una guerra mondiale ogni giorno". E a proposito di addii, Nainggolan conferma anche quello alla nazionale belga: "Tornare? No, non più. È un capitolo chiuso. È stata una scelta dolorosa, ma ne sono felice. Dopo averci pensato 20.000 volte, ora almeno non ho più questi problemi. È stato un addio in sordina? E cosa avrei dovuto fare, organizzare una partita di gala per il mio addio?".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport