Milan, Rui Costa: "Piatek è impressionante. Volevo Paquetà al Benfica"

Serie A

Il portoghese, che ha giocato la partita fra le leggende del Milan e quelle del Liverpool, ha parlato del presente rossonero alla Gazzetta dello Sport: “Gattuso avrà un grande futuro, riporterà i rossoneri in alto”. Poi sull’attaccante: “Non è Sheva, ma mi colpisce la sua capacità di adattamento”. Sul brasiliano: “Non assomiglia per niente a Kakà”

FOTO. LIVERPOOL-MILAN, LE GLORIE ALLA 'BELLA' DOPO ISTANBUL E ATENE

PAQUETA' GOL. E NEYMAR ESULTA

SHEVA: "PIATEK SEGNA IN OGNI MODO"

CALENDARIO SERIE A, IL MILAN SFIDA LA SAMPDORIA

MILAN: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

Quasi 200 partite alle spalle, troppo per dimenticare il suo passato. Rui Costa ama il Milan anche se è tornato a vivere in Portogallo e lo guarda a chilometri di distanza. C’era anche lui nella partita fra le leggende rossonere e quelle del Liverpool. Hanno vinto gli avversari, ma poco importa. Ha ritrovato dei vecchi amici, si è commosso e ha parlato del presente del suo Milan: “Che ha bisogno di tempo – ha raccontato alla Gazzetta dello Sport - ora è in condizione di tornare in alto, con un allenatore che conosce la storia del club. Rino avrà un grande futuro. Ha fatto bene il Milan a sceglierlo e credo che raggiungerà il traguardo, che prima di tutto è tornare a giocare in Champions”. Già, lo sa bene lui. Che con quei colori ha vinto tutto. Sa bene anche quanto sia forte Piatek, perché da uomo di calcio quale è ne capisce subito la forza: “E’ un grande attaccante – ha raccontato – mi colpisce la sua capacità di adattamento. E’ arrivato al Genoa e ha fatto subito gol, idem al Milan, un club decisamente diverso come ambizione e storia. Sembra che sia lì da una vita. Impressionante. Ma non facciamo paragoni, che è inutile. Piatek non è Sheva, anche se ha risolto molti problemi in attacco. I grandi attaccanti ti danno tranquillità, perché sanno come risolvere una partita”.

"Paquetà non è Kakà"

Chi a gennaio è arrivato in rossonero è anche Paquetà: “L’ho seguito quando giocava in Brasile – ha svelato Rui Costa – lo conosco bene. Ha grandissime qualità, avrei voluto portarlo al Benfica, ma non ho potuto ingaggiarlo: già troppo caro per un club portoghese. Ha qualità e l’età per crescere ed evolversi in un calcio difficile come quello italiano”. Anche qui un paragone che incombe, quello con Kakà: “Ma non ci assomiglia per niente – taglia corto - Kakà faceva il trequartista, ma aveva anche una potenza che raramente, forse mai, si è vista in un giocatore in quella posizione. Era anomalo, era Kakà. E Paquetà è Paquetà: l’ho visto fare la mezzala, tecnicamente è molto forte, ha un mancino stupendo, di velluto”. Chiosa infine sulla Juventus, che con Ronaldo sogna la Champions: “Ripensiamo alla partita della Juve con l’Atletico, la morale è: se Cristiano è in serata, si può fare. Certo la Juve non è solo lui, è una squadra di campioni. Ma avere uno come Cristiano ti dà fiducia”.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport