Napoli, De Laurentiis: "Grazie Ancelotti, è difficile competere con chi s'indebita"

Serie A

Il presidente azzurro prima della cena di fine stagione: "Ringrazio Ancelotti, non era facile lavorare così dopo i 3 anni di Sarri. Non possiamo rimproverarci nulla, la Juve è prima ed è difficile competere con chi s'indebita molto più di noi. Mercato? Accontenterò Ancelotti"

DE LAURENTIIS: "INSIGNE NON SI SENTE AMATO"

IL DRAMMA DI GIANLUCA GAETANO

SERIE A, CALENDARIO E NUMERI 37° TURNO

Due giornate alla fine del campionato, ma per il Napoli la stagione è ormai conclusa considerando che il secondo posto è al sicuro da parecchie settimane. In casa azzurra, dunque, è arrivato il momento della consueta cena di fine anno a Villa D'Angelo, a margine della quale ha parlato Aurelio De Laurentiis: "Ringrazierò pubblicamente Ancelotti e i ragazzi perché hanno fatto bene – ha dichiarato a TV Luna il presidente azzurro – Non era facile passare dal gioco di Sarri a quello del nuovo allenatore. Dopo tre anni con Maurizio, che è un grande allenatore, c'era da imparare un modo di giocare diverso e bisogna dare merito ad Ancelotti di aver impiegato anche i calciatori poco utilizzati e i nuovi acquisti. Poi può capitare di perdere dei punti, ma il distacco sulle inseguitrici la dice lunga e non possiamo rimproverarci nulla. La Juve è prima, ma sarà sempre complicato lottare contro chi s'indebita molto più di noi. Ci tengo a sottolineare che noi non abbiamo neanche 1€ di debito con le banche e abbiamo sempre rispettato le regole del Fair Play Finanziario".

"Sul mercato accontenterò Ancelotti"

Sul mercato, aggiunge: "Se accontenterò Ancelotti? Lo abbiamo sempre fatto con gli allenatori che volevano entrare nel merito, Sarri non lo ha mai fatto e quindi per noi era impossibile. Carlo ogni giorno entra nel merito, rispettoso dei bilanci del club. Ha lavorato nel Real Madrid, squadra che fattura quattro o cinque volte più di noi. Insigne? Per i napoletani questo territorio è sempre scomodo, ricordate Quagliarella? Venne con tanta voglia da Udine, poi fu costretto a scappare via e solo dopo tempo abbiamo scoperto l'arcano. Questo è un territorio straordinario, il più ricco d'Italia come potenzialità. Ma è beffardo, non ti regala nulla e ti sottrae. Il limite di noi napoletani è che dopo il dito ci prendiamo tutto il braccio. Quagliarella ha dimostrato di essere un bravo calciatore dove non sentiva il peso di questo condizionamento che subiva e di cui non parlava con nessuno".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport