Allegri: "Con il nuovo allenatore la Juventus continuerà a vincere. È nel dna del club"

Serie A
(getty)

L'allenatore bianconero, che lascerà il club a fine stagione, è certo che il dominio della Juve non si fermerà: "Il nuovo allenatore si troverà alle spalle una società forte, che ha la vittoria nel suo dna e che continuerà ad alzare trofei. A Torino cinque anni straordinari, un onore entrare a far parte della storia del calcio italiano"

PANCHINA JUVE, LE ULTIMISSIME DI DI MARZIO

NEDVED: "ABBIAMO IDEE CHIARE"

CONTE ALLA JUVE: ECCO PERCHÈ NON TORNERÀ

 

“La Juventus continuerà a vincere”. Massimiliano Allegri, che domenica vivrà la sua ultima partita sulla panchina bianconera, è sicuro che, anche dopo il suo addio, la squadra continuerà ad alzare trofei: “Sicuramente chi arriverà al mio posto sulla panchina della Juventus avrà una società forte alle spalle che gli consentirà di proseguire un discorso vincente”, ha spiegato da Palazzo Vecchio a Firenze, dove è stato premiato in occasione della ottava edizione della Hall Of Famedel calcio italiano. “A pranzo ero seduto vicino a Marcello Lippi (che lo ha premiato sul palco, ndr): in due siamo riusciti a vincere alla Juventus 10 scudetti. Quindi il club ha questo dna e continuerà a vincere”. Allegri ha poi proseguito: “Lascio una squadra vincente, una squadra che ha ancora da vincere e sono felice di questi cinque anni straordinari che ho trascorso a Torino. Ringrazio ancora una volta tutti, dal presidente fino ai magazzinieri: solo con un gruppo unito e con persone che hanno valori, oltre a quelli tecnici dei calciatori, si può arrivare a certi risultati”.

"Per raggiungere traguardi importanti serve coraggio"

L’allenatore bianconero, di cui ancora non si conosce il futuro, ha poi parlato degli anni trascorsi alla guida della Juventus: “Il coraggio credo sia il concetto giusto, ne è servito tanto per ottenere certi risultati. Per raggiungere traguardi importanti nel calcio, come nella vita, non bisogna mai abbandonare l’incoscienza: quel pezzo di irrazionalità ti fa fare delle scelte che magari, di fronte a un ragionamento troppo complesso, alla fine perdi l’occasione di fare”. Una battuta, poi, su ciò che lascerà al Museo del calcio: “Pensavo alla medaglia che mi è stata consegnata, credo che sia un cimelio che è giusto che rimanga nel Museo del calcio. Ho l'onore di entrare a far parte della storia del calcio italiano e ringrazio chi mi ha votato: questo cimelio chiede un ciclo vincente di cinque anni ed è giusto che rimanga nel Museo della storia del calcio”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport