Torino Lazio, Immobile: "Non mi immagino la squadra senza di lui"

Serie A

Al termine della gara col Torino, si è presentato Immobile in conferenza stampa: “Sono molto legato al mister, si è creato un ambiente familiare ed è anche per merito suo. Credo di aver fatto una buona annata, mi dispiace per i fischi ricevuti”

LE FOTO PIU' BELLE DELL'ADDIO DI MORETTI

L'ULTIMA DI DE ROSSI, ROMA-PARMA LIVE

LA DIRETTA GOL LIVE

La conferenza stampa di fine gara non l’ha tenuta, Simone Inzaghi. La Lazio continua a tenere al sicuro il proprio allenatore dalle domande sul suo futuro, così si è presentato a rispondere alle domande dei giornalisti presenti Ciro Immobile: “La partita non è andata come pensavamo ma è stata divertente, dopo la Coppa Italia abbiamo un po’ mollato. Peccato perché quando potevamo pareggiarla, abbiamo subito la terza rete”. Per l’attaccante, conclusa la stagione in biancoceleste, è tempo di attesa di una chiamata dalla Nazionale. “Credo di aver fatto una buona annata, ho segnato 15 gol in campionato e non sono pochi. Con Mancini ho un ottimo rapporto e ho voglia di riscatto, perché ho dato meno di quello che mi aspettavo di dare. Io insieme a Belotti? Lo spero, Andrea è un amico e condividiamo la stanza”. Inevitabile una domanda su Simone Inzaghi: “Non me l’immagino una Lazio senza di lui, non riesco a vederla. Sono molto legato al mister, abbiamo creato una famiglia dove tutti si sono sentiti subito a proprio agio e il merito è anche suo e del suo staff”.

Obiettivo 100 gol in Serie A

Se avesse segnato un altro gol, Immobile avrebbe toccato quota 100 in Serie A. “È brutto chiudere così, ma sarà un obiettivo per il prossimo anno. Dispiace per i fischi ricevuti, perché questo traguardo l’ho costruito partendo da qui. Sarebbe stato bello riuscirci” ha proseguito l’attaccante. Dunque, nel complesso, il bilancio può dirsi decisamente positivo: “Do un voto alto alla Lazio, abbiamo vinto una coppa ed è stato emozionante. Non abbiamo centrato la Champions, che era l’obiettivo principale, ma vincere un trofeo è comunque importante”.

I più letti