Juventus, Dybala vuole rilanciarsi: il gioco di Sarri deve valorizzarlo

Serie A

Francesco Cosatti

Dopo la stagione non proprio esaltante con la Juve, Paulo Dybala conclude con l'eliminazione dalla Copa America dell'Argentina un periodo della sua carriera con pochi alti e molti bassi. Dopo le vacanze tornerà a Torino dove troverà Sarri. L'obiettivo è riscattarsi grazie anche a un nuovo sistema di gioco

JUVENTUS, CHE ACCOGLIENZA PER RABIOT: I TIFOSI CANTANO PER LUI

CALCIOMERCATO LIVE, TUTTE LE TRATTATIVE IN TEMPO REALE

DOUGLAS GIA' AL LAVORO PER CONVINCERE SARRI

 

Finale di stagione da dimenticare per Paulo Dybala. L'infortunio contro l'Ajax, le ultime tre partite del campionato senza vittorie e infine la grande delusione con l'Argentina. L'eliminazione da una Copa America in cui ha giocato un totale di 25 minuti in tre presenze in campo (contro il Brasile in semifinale solo 5 minuti) è stata la serranda chiusa su una stagione con troppe ombre, tra Juventus e la Selecciòn. Nonostante, per la prima volta, in Italia avesse trovato continuità a livello di presenze. Dybala è stato per la prima volta un titolare nella Juventus di Allegri, ma il numero dei gol è crollato. Dieci reti in tutto tra serie A e Champions Laegue. La presenza di Cristiano Ronaldo ha sicuramente influito sulle realizzazioni, ma è vero che dall'argentino ci si aspettava un contributo maggiore.

Una stagione da incompiuto che ha incrinato il rapporto con Allegri ma che non ha cambiato le sue ambizioni per il futuro. L'arrivo di Sarri infatti modifica le prospettive. Dybala sarà una risorsa da riqualificare, un attaccante da valorizzare con un nuovo sistema di gioco. Lui come Douglas Costa che ha già iniziato a lavorare in Continassa per farsi ritrovare al meglio al via del ritiro. Adesso Dybala inizierà invece le vacanze e si aggregherà al gruppo solo in una seconda fase del ritiro. Riposo per poi ricominciare, per essere pronto per il 24 agosto. Per una stagione, la sua quinta con la Juventus, che dovrà essere, per forza, diversa dall'ultima.

I più letti