Juve-Napoli, tutto quello che c'è da sapere

Serie A

L'anticipo del sabato sera nella seconda giornata di Serie A si gioca allo Stadium. A Torino 45 vittorie bianconere a fronte di 8 successi del Napoli. Diretta esclusiva sabato 31 agosto alle 20,45 su Sky Sport Serie A e Sky Sport 251

JUVE-NAPOLI LIVE

INSIGNE: "PARTITA MOLTO SENTITA"

SZCZESNY: "IMPRESSIONATO DA SARRI"

Quando e a che ora si gioca Juventus-Napoli?

La sfida tra Juventus e Napoli si giocherà sabato 31 agosto alle 20,45 e sarà la terza partita in ordine cronologico della seconda giornata di Serie A.

Dove è possibile guardare Juventus-Napoli?

Juventus-Napoli è un'esclusiva di Sky Sport. Partita in diretta dalle 20,45 su Sky Sport Serie A (satellite, digitale terrestre e fibra), Sky Sport 251 (satellite e fibra) e anche in 4K HDR per i clienti Sky Q. Prepartita dalle 19,30.

Quanti sono i precedenti tra le due squadre?

Nella loro storia, Juventus e Napoli si sono affrontate complessivamente 146 volte in Serie A. Il bilancio è di 68 vittorie bianconere, 47 pareggi e 31 vittorie del Napoli. Numeri che diventano ancor più favorevoli alla Juve se si prendono in esame solo le partite giocate a Torino: 45 successi dei padroni di casa, 20 pareggi e 8 affermazioni degli azzurri. Negli ultimi otto anni, coincisi con altrettanti scudetti vinti dalla Juventus, il Napoli ha perso sette volte allo Stadium, non segnando mai più di una rete a partita, e vincendo in una sola occasione. 22 aprile 2018, 0-1 con rete di Kalidou Koulibaly al 90' e giochi per il primo posto riaperti. Sulla panchina ospite c'era Maurizio Sarri, oggi allenatore bianconero. La Juventus non vince da due partite in casa in Serie A (2N) e non resta senza successi interni nel massimo campionato per tre partite dalle prime tre della stagione 2015/16 (2 pareggi e un ko), mentre il Napoli ha vinto sei delle ultime nove trasferte in Serie A (1N, 2P) realizzando almeno due gol in ognuno di questi successi. Curiosità: la Juventus ha vinto tutti e tre i precedenti in Serie A in cui ha ospitato il Napoli nella prima partita stagionale interna (10 gol fatti, sei subiti). La più recente però risale all'ottobre 1934. L'ultima sfida tra le due formazioni a Torino in campionato è invece stata giocata il 29 settembre 2018: finì 3-1 per la Juventus, che rimontò l'iniziale vantaggio del Napoli firmato da Mertens con la doppietta di Mandzukic e il centro di Bonucci.

Come arrivano alla partita Juventus e Napoli?

Appena 90 minuti giocati in campionato non possono rappresentare un dato sufficiente per poter valutare condizione e mentalità di due squadre, ma la prima uscita nella Serie A 2019/2020 ha comunque offerto degli spunti per Juventus e Napoli. I bianconeri hanno superato di misura il Parma al Tardini grazie alla rete di Chiellini nel primo tempo, sfiorando il bis con il gol annullato a Cristiano Ronaldo e gestendo senza grandi preoccupazioni gli attacchi della formazione di D'Aversa. Dati rincuoranti per una difesa che nel corso del precampionato aveva incassato tre gol dal Tottenham, due dall'Atletico Madrid, uno dall'Inter e tre dal Team K League, selezione dei migliori giocatori del campionato coreano. Il Napoli è invece sceso in campo nella serata di sabato, poco dopo il fischio finale di Parma-Juve, al Franchi di Firenze. Allan e compagni hanno dato vita alla partita più divertente della prima giornata: gli uomini di Ancelotti hanno vinto per 4-3, esibendo l'ormai assodata intesa tra Insigne (doppietta), Mertens e Callejon (una rete a testa per il belga e lo spagnolo) e conquistando tre punti al termine di una partita in cui erano passati in svantaggio dopo soli tre minuti per effetto del calcio di rigore trasformato dal viola Pulgar. Quello dello Stadium, sebbene arrivi già alla seconda giornata, sarà un incrocio importante in chiave scudetto: non tanto per la classifica, quanto per il morale.

Quali giocatori possono essere protagonisti?

Poco meno di un anno fa, nell'ultimo precedente tra le due formazioni a Torino, non fu decisivo segnando ma regalò due assist e avviò l'azione che portò al 2-1 di Mandzukic. Parliamo di Cristiano Ronaldo, che già al Tardini ha "rischiato" di trovare la sua prima rete nel campionato 2019/2020. CR7 sarà protagonista di un tridente nel quale troveranno spazio Douglas Costa e Gonzalo Higuain. L'incrocio con il Napoli non può rappresentare una sfida qualsiasi per il Pipita, che ha giocato 104 partite in Serie A con la maglia del Napoli, realizzando 71 reti tra il 2013 e il 2016. Da ex ha segnato due gol in cinque partite contro gli azzurri. Di fronte, troverà un trio che conosce molto bene e che già alla prima giornata ha dimostrato di poter essere decisivo: lo guida Dries Mertens, in gol nelle ultime sei presenze consecutive in Serie A con la maglia del Napoli, e lo completano Lorenzo Insigne, due reti a Firenze all'esordio in campionato, e José Callejon, presenza attiva e decisiva in quattro gol nelle sue ultime quattro presenze in Serie A (una rete e tre assist). Curiosità: il Napoli è la squadra contro cui Miralem Pjanic ha segnato di più in Serie A. Il centrocampista ha realizzato quattro reti, di cui una in bianconero, in 15 presenze contro i partenopei.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche