Napoli, Manolas: "Lottiamo per lo scudetto. Inter? Aveva calendario più facile"

Serie A

Il centrale greco, lasciato in panchina nel match vinto dagli azzurri contro la Samp, si è detto soddisfatto per gli zero gol incassati: "E' stato un segnale positivo, queste non sono gare da poter sbagliare se vuoi arrivare in alto". Poi sulla lotta scudetto: "Troppo presto per fare pronostici. La squadra più forte resta la Juventus"

ANCELOTTI: "OK LA DIFESA"

NAPOLI-SAMPDORIA 2-0: GLI HIGHLIGHTS

MERTENS E LA DEDICA CON PANCIONE: "PER IL MIO AMICO DOLLY"

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Finalmente una vittoria senza prendere gol. Il Napoli, dopo averne incassati sette nelle prime due giornate fra Fiorentina e Juventus, ha chiuso a porta inviolata il match contro la Sampdoria. Un 2-0 che fa ridere Mertens ma anche Ancelotti, il cui obiettivo primario era proprio quello di incassare meno. Ad essere soddisfatto è anche Manolas, dal momento che la sua intesa con Koulibaly sta crescendo nonostante il greco sia rimasto in panchina all'esordio degli azzurri al San Paolo: "La vittoria sulla Samp rappresenta un segnale positivo - ha raccontato il centrale in esclusiva a Sky Sport - soprattuto perché abbiamo vinto senza subire gol. Se vuoi arrivare in alto, non puoi permetterti di sbagliare questo tipo di match. Alla fine sono questi i punti che contano per vincere il campionato".

Sarà una lotta a tre fra Napoli, Juventus e Inter?

"E' ancora troppo presto per dirlo. L'Inter aveva un calendario facile, mentre noi abbiamo giocato a Firenze e a Torino con la Juventus. Abbiamo avuto le partite più difficili di tutti, ma non si può ancora dire nulla. Nel calcio non si sa mai".

C'è anche il Napoli per lo scudetto?

"Certo che c'è. Il Napoli lotta ogni anno per lo scudetto. Ma è presto per dire grandi parole, dobbiamo dimostrare sul campo di essere pronti. La squadra più forte resta sempre la Juve, però noi abbiamo grande qualità e lotteremo in ogni partita per vincere".

Nelle prime due giornate sono stati presi tanti gol

"Ma il lavoro difensivo non dipende solo dai due difensori. Si difende sempre in 11 per avere risultati. Koulibaly è un grandissimo giocatore, così come Maksimovic e Luperto. Daremo il massimo per ottenere grandi risultati".

I più letti