Koulibaly: "Idioti non mi urlerebbero 'buu' in faccia. Italiani razzisti? A Napoli no"

Serie A

Il senegalese parla del razzismo: "Questi idioti che urlano 'buu' negli stadi non lo farebbero mai davanti a me, in faccia. La lettera a Lukaku? A Napoli non sarebbe mai successo. Si dice che gli italiani siano razzisti, ma i napoletani non lo sono e hanno accolto la mia famiglia benissimo sin dal primo giorno"

KOULIBALY: "NAPOLI, RESTO E VINCO!"

HAMSIK: "NON ESCLUDO UN RITORNO AL NAPOLI"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Il razzismo nel calcio è, purtroppo, ancora oggi un argomento d'attualità. Kalidou Koulibaly è, tra i calciatori, uno di quelli che più ne parla, nel tentativo di combatterlo. E il difensore del Napoli è tornato sulla questione in un'intervista rilasciata a L'Equipe: "Questi idioti che urlano 'buu' negli stadi non lo farebbero mai davanti a me, in faccia – spiega il senegalese – Tutti dicono che l'Italia è un paese razzista, che gli stranieri non vengono qui per quel che si sente. Ma posso dire che a Napoli non è così, la mia famiglia è stata accolta benissimo e anche i miei amici sono felicissimi di venirmi a trovare. Qui tutti i venditori ambulanti senegalesi si chiamano Koulibaly. Si sentono accettati, sono felici e non hanno problemi".

"Lettera a Lukaku? I napoletani non lo avrebbero mai fatto"

Koulibaly torna poi sulla lettera indirizzata a Lukaku dalla Curva Nord: "I tifosi del Napoli non avrebbero mai potuto scrivere una lettera come quella mandata a Lukaku, qui c'è tanto amore. Come possono dire che i 'buu' non sono atti di razzismo? È ovvio che veniamo discriminati per il colore della nostra pelle. Vorrei vedere queste persone passare quello che passiamo noi, fa davvero male".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche