Koulibaly: "Io via dall'Italia per i fischi? No, vadano via i razzisti"

Serie A

Intervistato dall'Equipe, il difensore del Napoli attacca ancora i razzisti: "Non devono pensare di poter avere la meglio". Nel suo mirino anche la leggerezza delle pene esistenti in Italia e i ritardi nell'applicarle: "Serve qualcosa di esemplare"

KOULIBALY: "NON MI FAREBBERO MAI BUU IN FACCIA"

KOULIBALY: "NAPOLI, RESTO E VINCO!"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Dal 26 dicembre dello scorso anno, quando fu bersagliato dai tifosi dell'Inter a San Siro, Kalidou Koulibaly è sempre in prima linea per denunciare senza paura fischi e insulti razzisti ricevuti negli stadi. Intervistato dal giornale francese l'Equipe, il difensore senegalese ha escluso che il comportamento razzista dei tifosi avversari possa convincerlo a lasciare la Serie A: "Assolutamente no, significherebbe dargliela vinta. Se ne devono andare loro, noi dobbiamo dimostrare di essere sempre presenti". Il problema razzismo è emerso spesso già nelle prime giornate di questo campionato e, secondo Koulibaly, una causa è da ricercare nelle poca severità delle punizioni: "Non ci sono mai multe esemplari, punti di penalizzazione per le squadre o tifosi espulsi o banditi dagli stadi. Ci vuole un esempio importante". L'Inghilterra, sotto questo punto di vista, rappresenta un modello a cui guardare: "Anche lì, che è il campionato più seguito, ci sono episodi di razzismo, invece i tifosi vengono cacciati dallo stadio. Bisogna condurre questa battaglia". Una battaglia complicata, anche perché da affrontare contro grandi masse: "Chi fa questi fischi è sempre nell'anonimato della folla, si può nascondere, se si trovassero davanti a me non farebbero nulla".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche