Roma, Dzeko: "Fascia di capitano pesa, Fonseca bravo e parla in faccia"

Serie A

Il bosniaco ammette a La Stampa: "Mercato troppo lungo, avevo la testa altrove. Ma ora sono più motivato anche grazie a Fonseca, uno bravo e che parla in faccia. Io capitano? La fascia pesa, ma sono pronto. E a Zaniolo dico di non pensare al futuro"

In estate è stato a un passo dal dire addio alla Roma, destinazione Milano, dove ad attenderlo c’era Antonio Conte e la sua Inter. Edin Dzeko, che con la Bosnia affronterà l’Italia venerdì sera nella gara valida per le qualificazioni al prossimo Europeo, adesso è tornato a essere al centro del mondo giallorosso: "Il mercato è troppo lungo, nel mio caso ha pesato. Con la testa ero ovunque, così nel primo giorno di ritiro ho parlato con Fonseca e gli ho detto che mi sentivo un giocatore della Roma", ha rivelato proprio Dzeko in un’intervista a La Stampa. E proprio l’allenatore portoghese ha avuto un peso importante nella decisione del bosniaco: "Fonseca ha personalità ed è onesto: ti parla con schiettezza anche quando non giochi, sa dare importanza a tutti. Ci ha fatto capire che qui c’è un progetto, non siamo di passaggio. Se mi sento un nuovo acquisto? Sono più motivato e contento. Quando sei così rendi di più”, ha affermato il bosniaco. Ancora più responsabilizzato con la fascia di capitano al braccio: "Quella fascia l’hanno indossata Totti e De Rossi, pesa. Ma sono pronto. Con loro avevi più personalità in campo e fuori, si è perso qualcosa. Con me, Kolarov, Fazio, Mirante e Florenzi ci sono tanti giovani, ora tocca a noi indirizzarli".

 

"Zaniolo non si accontenti e non pensi al futuro"

Tra i giovani, uno dei più talentuosi è sicuramente Zaniolo: “Il primo giorno in allenamento andava a mille. E così ha continuato. Il talento ce l’ha, ma deve migliorare. È un bravo ragazzo – ha affermato il bosniaco – e deve essere grato alla Roma, ora non deve pensare al futuro. Magari un giorno andrà altrove, gli ho detto di guardare avanti e non accontentarsi mai”. Cinque gol e un assist in 12 partite di campionato, Dzeko è uno dei punti di forza di una Roma in piena lotta per l’Europa: “Dopo una partenza negativa, ci siamo ripresi. Perdere a Parma non ci voleva, ma questa ma questa società deve stare in alto. Juve imbattibile? Sono sempre i favoriti, ma l’Inter può impensierirli. Conte trasmette fiducia. I bianconeri hanno Chiellini, il difensore più ostico, la Juve ha vinto tanto anche grazie a lui". Capitolo razzismo: "Certi cori non li comprendo proprio. Ho giocato con ragazzi di ogni paese, siamo tutti fratelli. Non capisco che cosa abbiano in testa, certa gente deve stare a casa. Allo stadio non ci serve", ha ammesso Dzeko.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche