Juventus, Paratici: "Ronaldo e Sarri hanno deciso insieme per il riposo. Nessun problema"

Serie A

Il Chief Football Officer della Juventus ha chiarito la situazione dopo la sostituzione con il Milan: "Ronaldo ha un fastidio a un ginocchio da 15 giorni. Si sono parlati e hanno deciso per la non convocazione, c'è grande feeling tra di loro". E sul mercato dice: "Non abbiamo bisogno di ulteriori attaccanti, possiamo giocare con due sistemi di gioco diversi e siamo abbastanza in quella zona"

Le polemiche dopo la sostituzione con il Milan non si sono esaurite neanche dopo la settimana di sosta. Ad alimentarle ulteriormente è arrivata la mancata convocazione per Cristiano Ronaldo dalla trasferta di Bergamo per problemi fisici. A chiarire la questione ci ha pensato Fabio Paratici, Chief Football Officer della Juventus, ai microfoni di Sky Sport: "Non c'è nessun caso. Tra Ronaldo e Sarri c'è un grande feeling e, dopo aver parlato, hanno deciso insieme per la non convocazione. Cristiano ha un fastidio a un ginocchio da 15 giorni e deve continuare un percorso e pensare a guarire e ad allenarsi". Nessun caso dunque con Ronaldo che si prepara in vista della sfida all'Atletico Madrid di Champions.

 

Nessun bisogno, secondo Paratici, neanche di intervenire a gennaio nel reparto offensivo: "In questo momento abbiamo tre attaccanti ma anche tanti trequartisti, possiamo giocare indifferentemente con due sistemi di gioco e riteniamo di essere sufficientemente coperti in quella zona del campo".

 

Paratici ha dato anche un proprio parere su alcuni giocatori dell'Atalanta, interessanti in ottica mercato: "Gosens è un giocatore molto valido così come Hateboer. Sicuramente hanno un allenatore che li valorizza molto con il proprio modo di giocare, ma stiamo parlando di nazionali così come De Roon e sono tutti in grande crescita. Gasperini? La nostra scelta è sempre stata Sarri, non abbiamo mai pensato a lui per la panchina della Juventus".

 

Il rinnovo di Bonucci

In settimana è arrivato anche il rinnovo di contratto per Leonardo Bonucci, che si è legato ai colori bianconeri fino al 2024. Paratici ha espresso tutta la sua soddisfazione per questo accordo: "E' un segnale importante che abbiamo voluto dare a lui. Era uno dei capitani anche prima di andare al Milan e siamo stati felici di riprenderlo. Ha giocato più di 350 partite con noi, più di 100 con la nazionale. Incarna perfettamente lo spirito Juve".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche