Juve, Bonucci rinnova fino al 2024: "Questa la mia casa, sogno che diventa realtà"

Serie A
©Getty

Accordo raggiunto fra i bianconeri e il centrale classe 1987. Il contratto, che sarebbe scaduto nel 2023, è stato rinnovato di un altro anno: "Leonardo è DNA bianconero", la nota del club. "Giornata indimenticabile, un sogno che diventà realtà. La Juve è la mia casa", le parole del difensore

CR7, IL RITORNO A TORINO

Notizia importante in casa Juventus. Leonardo Bonucci, diventato capitano dopo l'infortunio di Chiellini, ha rinnovato il contratto che lo lega ai bianconeri. Un accordo che allunga il matrimonio di un ulteriore anno (la scadenza era precedentemente fissata per il 2023). Fra la serata di lunedì e la mattinata di martedì c'è stata un'accelerata importante da entrambe le parti, dal momento che c'era una forte volontà da parte di tutti affinchè si potesse andare avanti insieme. Si tratta del terzo rinnovo per la Juventus, che aveva già raggiunto l'accordo sia con Cuadrado che con Szczesny. Bonucci, alla sua nona stagione in bianconero dopo essere tornato nell'estate del 2018 dal Milan, fino a questo momento sta disputando un'annata impeccabile, tanto che Sarri non ci rinuncia mai. Dodici gare su 12 dal 1' in campionato, 4 su 4 in Champions. Ottima spalla anche per De Ligt, che sta crescendo grazie ai consigli del centrale classe 1987. Il prossimo primo maggio festeggerà 33 anni, ma la voglia di Juventus è ancora tanta. Continuerà ad esserlo almeno fino al 2024.

Il comunicato della Juve

Ad annunciare il rinnovo di Bonucci è stata la stessa società bianconera attraverso questa nota apparsa sul proprio sio ufficiale: "È una lunga e intensa storia - si legge -, quella che lega Leonardo Bonucci alla Juventus. Una storia che continuerà ancora, fino al 2024, per la precisione: è ufficiale infatti il rinnovo di Leo con i colori bianconeri. Non è stata scelta a caso la data di oggi, il 19 novembre, per un annuncio tanto importante: se ormai nella mente di tutti i bianconeri questo è il numero indissolubilmente legato a Bonucci, da oggi lo sarà ancora di più. Leonardo è il giocatore che, dal 2010/11 (quando è diventato bianconero) ha giocato più partite, in tutte le competizioni: 376, almeno 35 in più di qualunque suo compagno in questi anni. È il giocatore che, anche in questa stagione, più di chiunque non molla mai, ma proprio mai: 1440 minuti disputati dalla fine di agosto. Per dirla in un altro modo: è sempre rimasto in campo. È l’unico difensore ad aver segnato almeno un gol in tutte le ultime sette stagioni di serie A. E con la nostra maglia ne ha realizzati 17. È il bianconero che ha effettuato più passaggi di tutti in Serie A dal 2010/11, la cifra vertiginosa di 14792. È il volto dei momenti fondamentali, è l’esultanza per un gol decisivo, è la chiusura in area di rigore, è il salvataggio sulla linea, è il passaggio smarcante da 40 metri. Leonardo è DNA bianconero. Da oggi, ancora di più".

"La Juve è la mia casa"

Attraverso il proprio canale YouTube la Juventus ha postato un video con protagonista lo stesso Bonucci: "Ciao ragazzi - inizia così il discorso del capitano bianconero, presente nella sede del club e con un grande sorriso sul volto - sono qui in quella che è la mia casa. Non posso stare in altri posti che non siano di colore bianconero e che non abbiano il logo Juventus addosso". Poi la conferma del prolungamento: "Rinnovo fino al 2024, un grazie al presidente, a tutti quanti e soprattutto a voi che mi incitate e mi spronate a dare sempre il meglio. Sto vivendo una giornata storica e indimenticabile, per me è un sogno che diventa realtà. Un'altra firma su un contratto importante, questo lo devo - ripeto - al presidente, al direttore Paratici e a Nedved, così come ai tfosi e alle persone a me care. Come detto per me la Juventus è casa e questa firma dimostra ancora una volta quanto tenga alla maglia bianconera". 376 presenze con la Juve, scudetti, Coppe Italia e Supercoppe in bacheca: "Voglio tantissime altre presenze, tanti altri gol e molti altri trofei". Chiosa sul presente: "Questo il mio miglior momento da quando sono qui? Sì, è un buonissimo momento, anche grazie alle responsabilità che mi ha dato la società dopo l'infortunio di Chiellini ho capito che serviva qualcosa in più. Era uno dei miei obiettivi quello di crescere, mi paragono al Bonucci della stagione 2016/2017, quando sono entrato nella top 11 mondiale. Quell'anno siamo arrivati in finale di Champions e mi sono sentito bene fisicamente e mentalmente. Le sensazioni che ho ora sono le stesse, ma la stagione è ancora lunga. Manca un'eternità alla finale di Champions, che è il nostro obiettivo". Senso del gol, precisione nei passaggi: "Ma la mia preoccupazione è chiudere gli avversari, è il mio lavoro. Se poi aggiungo gol utili per la squadra, allora diventa tutto speciale, come lo è questa giornata. Oggi è il 19 novembre, come il mio numero di maglia e il compleanno di mia moglie. Lo ricorderò per sempre. Il prossimo gol? Mi piace essere pericoloso nell'area avversaria, spero di segnare ancora reti importanti, a partire da quest'anno". Infine il futuro, perché nel 2024 avrà già superato i 10 anni con la Juventus: "Sarò soddisfatto se in quella bacheca ci finirà anche la Champions".

Insostituibile 

Bonucci, che si era allontanato dalla Juventus solo nella stagione 2017-2018 direzione Milan, era risultato da subito fondamentale anche per Allegri, il quale lo aveva schierato sempre dal 1' nelle gare di Champions (10 su 10). Lo scorso 30 agosto, poi, il brutto infortunio di Chiellini, fuori dai giochi a causa della rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro: "Questo episodio ha acceso in me qualcosa, volevo comunque crescere e migliorare rispetto alle ultime due stagioni", aveva spiegato lo stesso Bonucci. E ci è riuscito, come testimoniano i numeri. Sarri, infatti, non lo toglie mai (1440' giocati fin qui, nessuno come lui nella rosa bianconera). Troppo importante per dirigere un reparto orfano di un pilastro come Chiellini e alle prese con le innovazioni portate dal nuovo allenatore. Inoltre c'è un De Ligt da far crescere. L'olandese, chiamato a bruciare le tappe dato il ko di Chiellini, ha bisogno dei consigli del suo capitano per adattarsi al meglio ad un campionato diverso da quello precedente. Insomma, Bonucci è fondamentale. La Juve lo ha capito e gli ha allungato ulteriormente il contratto.

La clip celebrativa su Instagram

"Nei miei sogni di adulto ho accarezzato questo giorno come qualcosa di custodito in un cassetto segreto.  Oggi 19.11.19 tutto diventa realtà.  La Juventus, che in 8 stagioni sulla pelle mi ha insegnato valori, vicinanza, resilienza, caparbietà e tenacia, oggi mi regala un sogno", ha poi scritto su Instagram Bonucci assieme a un video celebrativo della sua storia in bianconero". Alla Juventus devo la mia maturità, devo la capacità di riconoscere gli errori, devo soprattutto la mia continua, inarrestabile, voglia di vincere. Oggi la Juventus mi regala un sogno al quale risponderò con sicurezza, responsabilità e orgoglio.  Per vincere ancora, insieme. Fino alla Fine!".

I più letti