Parma-Milan, Pioli: "Ottimista da un mese. Ibra? Sintonia con la società"

Serie A
©Getty

L'allenatore rossonero esulta per la vittoria di Parma: "Non cambia niente, ma ero ottimista da un mese. I ragazzi vogliono tirarsi fuori dalle difficoltà". Poi su Piatek: "Gli manca il gol e noi bisogna aiutarlo. Ibra? Con la società c'è grande confronto"

Torna a vincere il Milan, che non ci riusciva dal successo sulla Spal. Il primo di Pioli, che ha poi dovuto fare i conti con i ko contro Lazio e Juventus oltre al pareggio con il Napoli. A Parma Hernandez l'ha risolta nel finale: "Anche se abbiamo tirato in porta più di 25 volte - ha ribadito un Pioli molto soddisfatto nel post partita a Sky Sport - la squadra era consapevole dell'importanza di questa gara, che pesava più di altre. Venivamo da buone prestazioni senza aver raccolto però nulla. Sapevamo ciò che dovevamo fare e abbiamo vinto meritatamente contro una squadra forte e organizzata". Il Milan smuove una classifica che non può ancora rendere felici: "La lascio ancora attaccata negli spogliatoi, perché questa vittoria non aggiusta tutti i problemi - ha continuato l'allenatore rossonero - da qui a Natale voglio portare più punti possibili a casa, c'è ancora tanto da fare. Non posso che essere soddisfatto per la grinta e la qualità che i miei ragazzi hanno messo in campo".

"Piatek deve essere aiutato"

La nota negativa riguarda Piatek, che non riesce a sbloccarsi: "Gli manca il gol - ha spiegato Pioli - non può essere sorridente ma è giusto che sia così se siamo professionisti. E' chiaro che bisogna aiutarlo ed è chiaro che lui debba farsi aiutare". L'ottimismo tuttavia c'era anche prima di Parma: "Devo dire che, quando vedo i giocatori allenarsi bene, io non chiudo mai la porta a nessuno. Non abbiamo fatto niente con la vittoria di oggi, ma avevo sensazioni positive da un mese. Questo gruppo vuole tirarsi fuori dalle difficoltà, sono tutti molto motivati. Anche chi è entrato lo ha fatto bene. Ora bisogna pensare al Bologna, un avversario temibile, che gioca bene a calcio. Bisogna migliorare nel fare le scelte giuste in certe situazioni. Il Parma, per esempio, era più alto del previsto e quindi potevamo giocare più diretto verso la punta. Comunque abbiamo giocato una partita con le idee chiare". Chiosa finale su Ibrahimovic: "Pensiamo alle prossime partite. Con la società c'è grande confronto e sintonia. Quindi vedremo cosa accadrà".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche