Ancelotti: "Eriksen? Può giocare davanti la difesa come Pirlo"

Serie A

L'allenatore dell'Everton parla a Radio Deejay: "Il danese è un giocatore completo. Può fare benissimo anche davanti la difesa, come Pirlo". Poi sul campionato italiano aggiunge: "Per lo Scudetto non so dire chi è favorito, è davvero una bella lotta"

Carlo Ancelotti ha da poco chiuso la sua avventura a Napoli. Ma è rimasto poco tempo fermo, subentrando subito sulla panchina dell'Everton e trascinando i Toffees verso la zona Europa. "Domani abbiamo una partita tosta - dice l'allenatore italiano a Radio Deejay -. Qui c’è un bell’ambiente, mi hanno accolto bene. La squadra si è ripresa, adesso ci aspetta un mese di partite impegnativo. In Inghilterra c’è un’atmosfera completamente diversa. Quello che fa la differenza è l’ambiente esterno: stadi bellissimi e sempre pieni, rispetto per l’avversario, non ci sono violenze e insulti. È tanti anni che è così". Il discorso, però, finisce inevitabilmente sulla Serie A e in particolare su uno dei pezzi pregiati nuovi del campionato: Christian Eriksen. "È un centrocampista completo - spiega -. Può giocare tra le linee o come centrocampista basso. Come caratteristiche lo vedo molto simile a Pirlo: molto lineare nel gioco, limpido nel passaggio, pulito e con un gran tiro da fuori. Potrebbe giocare davanti la difesa, ma fa benissimo anche davanti". Sulla corsa Scudetto, invece, ha le idee meno chiare: "È una lotta molto avvincente rispetto agli anni passati - aggiunge -. Dire chi è favorito è molto complicato. Può esserlo la Juve perché ha più esperienza a gestire queste situazioni, l’Inter perché ha un nuovo allenatore e ha riportato entusiasmo, la Lazio che è una sorpresa e non ha le coppe. La Juve ha il vantaggio di avere un giocatore che fa gol quasi tutte le partite, ma Immobile e Lukaku più o meno fanno lo stesso".

"L'allenatore deve adattarsi alle caratteristiche dei giocatori. Napoli e Milan sono in ripresa"

Ancelotti si sofferma poi sulle difficoltà incontrate da Sarri per imporre il suo gioco: "Quando devi gestire determinate rose anche l’allenatore deve sapersi adattare - afferma il 60enne emiliano -. Concordo con quello che ha detto lui: bisogna mettere giocatori in campo nelle condizioni per far meglio. Il calcio è tutto: difesa, attacco, contropiede, catenaccio. Nel calcio è tutto buono, non c’è un sistema di gioco vincente. Ci sono tante cose da fare e bisogna farlo in base alle caratteristiche dei tuoi giocatori". Uno sguardo, infine, sull'Europeo ("Sarà un torneo incerto. L'Italia ha fatto passi da gigante, la vedo molto bene") e su quello che è stato il suo passato: "Il Napoli lo seguo ancora e lo seguirò sempre - conclude il manager dell'Everton -. Stanno facendo bene, sono contento che Fabian Ruiz abbia ritrovato la condizione migliore. Adesso c’è questa bella partita col Barcellona che è più incerta di quanto possa sembrare perché adesso non sta viaggiando a mille. Per il Milan, invece, è stato un momento difficile, ma pare che adesso ci siano segnali di risveglio. Le parole di Gazidis? La storia e la tradizione di un club devono essere rispettati al 100%, poi bisogna fare i conti con i bilanci. Abbiamo visto quello che sta succedendo con il Fpf. Serve un bel programma".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche