Il cigno nero del calcio italiano

DI PAOLO CONDÒ
Paolo Condò

Paolo Condò

©Getty

Paolo Condò, intervenuto in diretta a SkySport24, ha commentato la decisione di rinviare le partite inizialmente previste a porte chiuse, analizzando la difficile situazione in cui si trova adesso il nostro campionato

CORONAVIRUS: LE NEWS DI OGGI IN DIRETTA

"È il cigno nero del calcio italiano". Paolo Condò, intervenuto a SkySport24, ha utilizzato questa metafora per commentare il rinvio delle cinque partite della 26^ giornata inizialmente previste a porte chiuse. La metafora del cigno nero descrive un evento imprevisto, che provoca conseguenze rilevanti. È quello che sta avvenendo in questi giorni nel nostro calcio dopo l'emergenza coronavirus. "Il presidente della Lega di Serie A Dal Pino si è comportato da commissioner: ha preso una decisione, per quanto secondo me sia sbagliata, ma l’ha presa", ha esordito Condò. Una situazione complessa. Unanimità dovrebbe essere la parola chiave, ma a volte sembra difficile venire incontro alle esigenze di tutti i club.

Il "giustamente" che c'è in ogni soluzione

"Io avrei fatto giocare Inter-Sampdoria a porte chiuse per creare un precedente e far disputare anche le partite di questa giornata senza pubblico – prosegue Condò -. Ma è chiaro che siano stati sentiti tutti i club, così come è chiaro che la Juve abbia chiesto di non scendere in campo a porte chiuse. D’altronde lo Stadium non era squalificato e il club bianconero giustamente ha tutto il diritto di giocare in casa davanti ai propri tifosi. Così come l’Inter, giustamente, non può ridursi a giocare tutte le partite nel mese di maggio. Come si vede, il giustamente compare da una parte e dall’altra".

L’importanza di salvaguardare la consecutio 

Un altro aspetto da tenere in considerazione è quello di salvaguardare la consecutio temporum delle partite. Il big match Juve-Inter avrebbe dovuto essere collocato a marzo, non nel finale di campionato. "Credo che sia giusto conservare la consecutio stabilita ad agosto con la creazione del calendario – ammette Condò -. Non si può arrivare a giocarsi lo scudetto all’ultimo, Juve-Inter non può essere l’ordalia finale".  

Il paragone con il Clasico

Juve-Inter avrebbe dovuto essere l’alternativa al Clasico tra Real Madrid e Barcellona, ma tra lo spettacolo del Bernabeu e un match senza pubblico non ci sarebbe stata partita. "Il big match a porte chiuse si sarebbe giocato in contemporanea con il meraviglioso Clasico di Madrid: per un prodotto che la Lega sta provando a vendere sul mercato internazionale, il colpo sarebbe stato grave – spiega Condò -. Anche questo è un argomento. Anche perché nel programma del presidente Dal Pino c’è l’esigenza di rafforzare la quota di soldi che arriva dall’estero".

Le proposte per evitare altri cigni neri

La speranza è che l’emergenza coronavirus e il conseguente calendario ingolfato facciano riflettere tutto il calcio italiano. "Spero che i presidenti di Serie A ripenseranno a varie opzioni: a un campionato a 18 squadre, a iniziare prima e non a fine agosto, a una sosta di natale più compressa con la possibilità di introdurre nuovamente il boxing day. Il cigno nero, il disastro perfetto, si sta verificando perché non è stata presa nessuna precauzione a livello di calendario".

Inter-Samp, l'extrema ratio

Infine, Condò illustra la sua personale proposta per Inter-Samp, partita della 25^ giornata rinviata e ancora orfana di una data. "È una gara da giocare il prima possibile per snellire il calendario di maggio – commenta Condò -. Se l’Inter batterà il Getafe e passerà ai quarti di Europa League, penso a un’extrema ratio: al ritorno dalla pausa per le nazionali Inter e Sampdora giocheranno domenica 5 aprile rispettivamente contro Bologna e Spal: le due partite potrebbero essere anticipate al sabato, per poi giocare il lunedì successivo Inter-Sampdoria. Mi rendo conto che i tempi sono strettissimi, ma ci sarebbe parità di condizioni per entrambe le squadre. Anche perché poi l’Inter, se superasse il turno di Europa League, dovrebbe giocare di nuovo il giovedì".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche