Conte: "Juve-Inter ora vale anche per la classifica. Abbiamo alzato l'asticella"

Serie A
©Getty

L'allenatore nerazzurro ha parlato ai microfoni di Inter Tv alla vigilia della sfida con la Juve: "Abbiamo grande rispetto per loro, dovremo alzare l'asticella. Stare senza giocare non è semplice, però i ragazzi hanno lavorato con grande abnegazione". Poi sul caos calendario: "Per noi è importante sapere il giorno della partita e avere un programma ben chiaro"

JUVE-INTER LIVE

Vigilia particolare quella di Juventus e Inter, che si ritroveranno a recuperare il big match della 26^ giornata a porte chiuse per l'emergenza Coronavirus. Sarri non parlerà in conferenza davanti ai giornalisti, proprio come fatto da Conte, le cui dichiarazoni sono state riportare da Inter Tv: "Arriviamo alla partita nella giusta maniera nonostante le difficoltà, perché non giocare non è stato semplice - ha spiegato l'allenatore nerazzurro - però, come ho detto ai ragazzi, bisogna essere bravi in queste situazioni ad adeguarci in maniera veloce e cercare di continuare a fare quello che stiamo facendo. Le condizioni generali sono buone, nonostante tutto abbiamo lavorato e i ragazzi da questo punto di vista sono stati straordinari. C'è sempre grande abnegazione e voglia di arrivare a giocarci questo tipo di partite con un preciso significato in classifica. Arriviamo alla sfida con grande determinazione e con l’intelligenza di esserci adeguati a questi cambiamenti”. Per lui sarà la prima allo Stadium da avversario. C'era curiosità per vedere come sarebbe stato accolto dai tifosi, che però non potranno essere presenti: "Il pubblico è importante quando si gioca a calcio, soprattutto in partite così rilevanti e belle. In questo momento veramente molto delicato però si deve fare grande attenzione perché la salute di tutti i cittadini viene prima di tutto". 

"Alziamo l'asticella"

Juve-Inter è pur sempre Juve-Inter: "Ma è importante che dietro ci sia anche una valenza a livello di classifica - ha continuato Conte - affrontiamo una squadra molto forte e abbiamo grande rispetto per loro. Da parte nostra c’è la voglia e l’ambizione di cercare tramite il lavoro di avvicinarci quanto più possibile. Per noi è importante alzare l’asticella. È inevitabile che quando arrivi a giocare questo tipo di partite devi avere nel tuo bagaglio dei dati importanti, sia nei gol subiti che in quelli fatti”. A questi ultimi ci dovrà pensare Lukaku, che in estate è stato vicino alla Juve prima di arrivare in nerazzurro: "Non posso essere che contento di lui - ha spiegato l'allenatore - è un esempio per il gruppo. Ma non dimentichiamo che dietro di lui c’è una squadra che lo sta supportando in tutto e questo è reciproco”. Dopo la Juventus ci sarà la gara di Europa League contro il Getafe: "Sarà una partita ostica, combattuta. Loro sono la rivelazione del calcio spagnolo e abbinano qualità, quantità a cattiveria agonistica. E' una squadra molto compatta e solida, guidata da un allenatore molto bravo". Chiosa finale sul caos calendario, che da qui in avanti sarà molto fitto: "E' una situazione delicata, tutti abbiamo famiglie ed è inevitabile che quello che sta accadendo non possa lasciarci indifferenti. Per noi è importante sapere il giorno della partita, avere un programma ben chiaro, perché da professionisti seri dobbiamo essere messi nelle condizioni di programmare e di poter preparare tutto con il giusto tempo e dobbiamo cercare in questo periodo così delicato di riportare i giusti valori di questo sport".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche