Sampdoria: positivi al coronavirus Colley, Thorsby, Ekdal e La Gumina

Serie A

Dopo Manolo Gabbiadini la Sampdoria ha annunciato che altri 4 giocatori sono risultati positivi al coronavirus: si tratta di Colley, Thorsby, Ekdal e La Gumina. La società blucerchiata fa sapere che sono tutti in buone condizioni. Positivo anche il dottore del club, Amedeo Baldari

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Dopo Manolo Gabbiadini altri quattro giocatori positivi al coronavirus in casa Sampdoria. Il club blucerchiato ha annunciato che il difensore Omar Colley, i centrocampisti Morten Thorsby e Albin Ekdal e il centravanti Antonino La Gumina sono risultati positivi al test del tampone. Stesso esito anche per il responsabile medico, il dottor Amedeo Baldari. Il club blucerchiato fa sapere che i cinque "sono tutti in buona salute e si trovano in questo momento nelle proprie case a Genova".

"L’U.C. Sampdoria ribadisce di aver immediatamente applicato tutte le procedure previste dalla normativa - prosegue il comunicato del club -. tutte le sedi sono chiuse, la squadra, i dirigenti e i dipendenti potenzialmente coinvolti sono in auto-isolamento domiciliare volontario. Si conferma che tutte le attività sportive sono sospese e che vengono svolte, da remoto, quelle essenziali organizzative del club". Infine una raccomandazione a tutti i tifosi. "Il presidente Massimo Ferrero, i dirigenti, Claudio Ranieri e la squadra invitano tutti a rispettare, con rigore e fermezza, le disposizioni ministeriali e regionali per affrontare insieme, con coraggio e spirito di sacrificio collettivo, questo periodo. Andrà tutto bene. Uniti ce la faremo. Restate a casa".

Ekdal: "Sto meglio dopo un giorno di riposo"

Tramite il proprio profilo Twitter, uno dei quattro calciatori blucerchiati risultati positivi al Coronavirus ha voluto rassicurare riguardo al proprio stato di salute. Si tratta di Albin Ekdal che ha raccontato il proprio momento: "Grazie per la vostra preoccupazione. Mi sento già molto meglio dopo un giorno di riposo. Spero che tutti prendano questa malattia seriamente: se avete anche sintomi molto leggeri, state a casa. Ascoltate le autorità e fate tutto quello che è in vostro potere per limitare la diffusione di questo virus e così aiuteremo i più deboli e gli anziani. Vorrei infine ringraziare tutto il personale medico che sta facendo un lavoro eroico".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche