Suso: "Al Milan ogni anno si riparte da zero, difficile costruire qualcosa di solido"

Serie A

L'esterno offensivo spagnolo in un'intervista ad As: "Al Milan ci sono stati tre presidenti, diversi allenatori e tantissimi giocatori. Così è difficile iniziare qualcosa di solido. Voglio rimanere al Siviglia"

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Esperienza rossonera durata 5 anni (eccezion fatta per i sei mesi di prestito al Genoa) e vissuta tra alti e bassi, fino al divorzio arrivato lo scorso gennaio quando si è trasferito al Siviglia in prestito con diritto di riscatto, pronto a trasformarsi in obbligo al verificarsi di determinate condizioni. Lo spagnolo Suso, però, non sembra avere un buon ricordo della sua avventura al Milan: "Lì ci sono stati tre presidenti, diversi allenatori, dozzine di giocatori... È difficile iniziare qualcosa di solido. Ogni anno c'è sempre qualcosa di diverso", le parole rilasciate in un’intervista ad As dall’esterno offensivo spagnolo. Che a Siviglia (1 gol e 1 assist in 8 presenze tra Liga ed Europa League) sembra aver ritrovato fiducia e serenità: "Vorrei rimanere qui, spero proprio che questo accada. Spero di poter giocare in Champions, sarebbe bello. E di vincere qualcosa, ovviamente. Il gap con le grandi si può accorciare grazie al lavoro, all'intensità e alla passione. Monchi ha fatto molto bene fin dal suo arrivo", ha affermato il classe 1993 ex Milan.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche