Coronavirus, Young elogia gli italiani: "Niente liti per cibo, c'è una calma sorprendente"

coronavirus

Il calciatore inglese dell'Inter ha descritto la situazione che si sta vivendo nel nostro Paese, applaudendo il popolo italiano per come sta reagendo all'emergenza: "Nei supermercati c'è una calma sorprendente, non ci sono liti per il cibo e gli scaffali non sono mai vuoti"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

In Italia è arrivato durante il mercato invernale, dopo una vita trascorsa in Inghilterra: Watford, Aston Villa, United poi la chiamata di Antonio Conte e l’approdo all’Inter. 7 partite tra campionato, Coppa Italia ed Europa League poi lo stop forzato causa l’emergenza Coronavirus. Ashley Young, in questi giorni così complicati per il nostro Paese, ha valuto fare i complimenti al popolo italiano per come sta affrontando la battaglia al Covid-19: “Volevo condividere i miei pensieri dato che attualmente vivo in Italia, l'epicentro del virus. Realisticamente andare in un supermercato è ora il rischio principale, perché in questi luoghi si può diffondere il virus e si può correre il rischio di essere contagiati. In Italia quando si va lì c'è una calma sorprendente: niente lotte per il cibo, niente scaffali vuoti e nessuna lite col personale su limitazioni o altro!”, ha scritto l’esterno nerazzurro su Twitter. “In quasi tutti i casi di solito è solo una persona che fa acquisti per una famiglia! I supermercati hanno limitato il numero di persone che entrano, quindi non è mai troppo affollato!", ha proseguito Young.

"Manteniamo le distanze per salvare vite umane"

Il calciatore dell’Inter dà poi anche dei consigli su come evitare il contagio: “Se dovete prendere l’ascensore con un'altra persona, state dal lato opposto e con la faccia rivolta verso il muro. Usate sempre i guanti, fin da quando scendete dalla macchina, e toglieteli solo quando ci rientrate. Usate una maschera per tenere coperti naso e bocca. Rispettate sempre la distanza di sicurezza. Questo è ciò che stiamo facendo qui in Italia, non è una reazione eccessiva, bisogna stare al sicuro. E anche gli altri dovrebbero farlo. Non è orribile, è un modo per mantenere le distanze e aiutare a salvare vite", ha concluso Ashley Young.

I più letti