juventus getty

La Juventus è stata la prima società di Serie A a prendere un provvedimento ufficiale sul taglio degli stipendi: i giocatori e Sarri non riceveranno il pagamento di 4 mensilità (marzo, aprile, maggio e giugno) e consentiranno al club di rinunciare a circa 90 milioni. Nel caso in cui si dovesse tornare a giocare, circa due mesi e mezzo di compensi sarebbero integrati nella stagione successiva, non avendo impatti così sul bilancio al 30 giugno 2020. Ecco a quanto rinunceranno i bianconeri (dati ingaggi Gazzetta dello Sport)

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI