Crespo a #CasaSkySport: "Sogno di allenare in Italia, a San Siro. Lazio? Noi come Beatles"

Serie A

L'allenatore a Casa Sky Sport: "Sto facendo la gavetta in Argentina, ma voglio allenare in Italia e sogno di tornare a San Siro. Ancelotti importantissimo per me, ma ho imparato da tutti. Il mio Milan era impressionante, ma che ricordi di Inter e Lazio. Mi piacerebbe giocare con Lautaro. Se lui è il nuoovo Aguero? Sì, ma più uomo squadra"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI 

"Mi piacerebbe allenare le squadre dove ho giocato. Io vorrei tornare a San Siro, sogno tutti i giorni di tornare in quello stadio", parola di Hernan Crespo. Intervenuto a Casa Sky Sport, contenitore di Sky Sport durante il quale rivolgiamo le domande dei nostri abbonati ad alcuni protagonisti dello sport, l'attuale allenatore del Defensa y Justicia ha ammesso il suo desiderio di tornare in Italia: "Io ora alleno in Argentina, sto provando a fare la mia gavetta qui in modo da poter tornare in Europa e in Italia. Mi sono innamorato da subito dell’Italia, i tifosi mi hanno dato un affetto incredibile. "Se allenerei mai la Juve? Prima me lo devono proporre, normale che l’affetto che provo per Inter e Milan sia diverso. Non lo so, non rientra nei miei pensieri. In Italia vivono le mie tre figlie, i miei amori: la preoccupazione legata al momento è tanta, però so che stanno bene. Si vive un po’ così, è dura ma bisogna imparare a convivere con le cicatrici", le parole dall'argentino.

"Ancelotti importantissimo, ma ho imparato da tutti"

Crespo ricorda poi gli allenatori che hanno segnato la sua carriera: "Ancelotti è stato molto importante all’inizio, ha avuto tanta pazienza, è stato un maestro per me. Mi ha insegnato come si vive in Italia, come si pensa, cosa fa la differenza in Serie A. La metodologia di allenamento di Mourinho ci ha insegnato a divertirci pur lavorando molto bene. Di Erikssson ricordo la capacità di gestire il gruppo, di Mancini la capacità di scegliere i giocatori, mentre Malesani mi ha insegnato come preparare una partita guardando anche alle caratteristiche degli avversari. Tutti mi hanno insegnato tanto, però ora farò il mio percorso come è stato da calciatore".

"Il mio Milan era fortissimo. Ma che ricordi di Inter e Lazio"

Tanti i ricordi italiani di Crespo: "Come giocatore mi sono completato alla terza/quarta stagione al Parma. Il Milan del 2005 che ha perso la finale di Istanbul il più forte? Se si guarda i risultati allora no, ma era impressionante per la qualità di gioco espressa. Solo sentire quella formazione faceva impressione, ogni allenamento era un apprendistato, era bellissimo far parte di una società guidata in maniera esemplare da Berlusconi, Galliani e Braida, ti facevano sentire un giocatore vero". L’argentino ricorda anche i suoi trascorsi all’Inter: "In nerazzurro sono stati anni magici, ricordo il 4-3 in rimonta in Supercoppa contro la Roma o la doppietta in Champions contro l’Ajax ad Amsterdam. Quando arrivai all’Inter era una squadra che non vinceva, poi cambiò tutto". Nel cuore di Crespo c’è anche la Lazio: "Esperienza fantastica, impressionante. Quando uscivamo a Roma sembravamo i Beatles, era difficile fare anche una passeggiata. Così ho scoperto Roma di notte e ho conosciuto la più bella città del mondo".

"Mi piacerebbe giocare con Lautaro"

"Chi sceglierei tra Lautaro, Dybala e Icardi? Dipende da chi sono gli altri dieci", sorride Crespo. "Lautaro lo stiamo conoscendo ora. Se può essere il nuovo Aguero? Sì, forse meno pulito nel dribbling ma più uomo squadra rispetto a lui. Lautaro è sempre nel vivo del gioco, può giocare con un altro attaccante vicino, in un tridente, è completo. E ha una testa che a mi piace molto", ha proseguito l’argentino. "Chi sarebbe attualmente il mio compagno di reparto ideale? Purtroppo non gioco più, però mi piacerebbe giocare proprio con Lautaro, sono curioso di vedere la sua crescita", ha aggiunto Crespo. Che ammette di rivedersi un po’ in Robert Lewandowski: "E' un giocatore alto ed elegante, mi piace molto. Così come Suarez e Benzema. Senza citare CR7 e Messi".

SERIE A: SCELTI PER TE