Rezza: "Calcio può ripartire con misure rigide e rigorose"

Serie A

Giovanni Rezza, membro dell'Istituto Superiore di Sanità e del comitato scientifico, ha parlato a Sky Tg24 dell'ipotesi di ripartenza del calcio in Italia: "Possibile a porte chiuse con misure rigide e rigorose. Bisognerà cercare di rendere minimo il rischio di contagio tra calciatori e addetti ai lavori"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto superiore di sanità (Iss), a Sky Tg24 è tornato a parlare della possibile ripresa dei campionati di calcio in Italia: "Quella sulla Roma (in conferenza stampa, ndr) era solo una battuta. Oggi il campionato non può ripartire, ma tra un mese si può ripartire, certamente a porte chiuse con misure rigide e rigorose. Ogni apertura comporta un minimo di rischio: va reso bassissimo questo rischio e andrebbero prese misure molto rigide. Non sta a me decidere, sarà la politica a farlo. La Figc sta già pensando alle istruzioni su misure molto rigorose per ridurre al minimo il rischio per giocatori, addetti ai lavori e per il resto della comunità".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche