Bologna, la corsa di Mihajlovic: "Sto bene e in hotel mi annoio"

Serie A

Lo scorso 15 luglio iniziava le cure contro la leucemia, adesso – 300 giorni dopo – corre in campo a Casteldebole: "Sto bene e in hotel non so cosa fare. Boskov? Ripensandolo, piango e rido", le parole dell'allenatore del Bologna alla Gazzetta dello Sport

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

"Come sto? Bene bene, grazie... Torno qui anche domani (oggi, ndr): sono stato a casa dal 4 marzo e adesso che ci sto a fare in hotel?". Pantaloncini e scarpe da tennis, Sinisa Mihajlovic sorride dopo essersi allenato in solitaria a Casteldebole (il centro sportivo del Bologna) per un’ora e venti minuti. Pensieri e sensazioni decisamente diverse rispetto al 15 luglio 2019, quando iniziò le cure contro la leucemia. Domani saranno trascorsi 300 giorni da allora, dal fischio d’inizio della sua partita più difficile. I ricordi dell’allenatore serbo però vanno ancora più indietro nel tempo, a una figura importantissima per la sua carriera, per la sua via. "Per me Boskov è stato quasi come un padre", ammette Mihajlovic in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. "Quando penso a Vujadin non so se piangere o ridere da quanto era simpatico e spassoso. Pensi: gli unici due campionati vinti dal Vojvodina sono stati quelli con lui allenatore prima e io giocatore poi, nel ‘66 e nell’89", le parole di Sinisa.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche